Transfobia al Cavour di Roma, il Ministro dell’Istruzione: “Non è ammessa alcuna forma di discriminazione”

Parole di Giuseppe Valditara, ministro dell'Istruzione in quota Lega del goveno Meloni. Ma la Lega è contraria alla carriera alias.

ascolta:
0:00
-
0:00
Transfobia al Cavour di Roma, il Ministro dell'Istruzione: "Non è ammessa alcuna forma di discriminazione" - Giuseppe Valditara - Gay.it
2 min. di lettura

È fortunatamente arrivata fino al Ministro dell’Istruzione e del Merito la denuncia di transfobia che ha coinvolto nella mattinata di martedì il liceo Cavour di Roma, con un professore che avrebbe insultato e discriminato uno studente transgender a cui da mesi la scuola aveva riconosciuto il diritto alla carriera alias.

Come scritto in mattinata, dinanzi al compito in classe del ragazzo il professore avrebbe sbarrato il nome con cui lo studente si era firmato, continuando a ripetere il suo nome anagrafico, umiliandolo e ignorando il diritto che la stessa scuola già gli riconosceva, violandolo consapevolmente.

Il professor Giuseppe Valditara, docente ordinario di diritto romano da poche settimane ministro dell’Istruzione del goveno Meloni, ha diramato una nota nel pomeriggio.

“Il Ministero sostiene tutte le opportune verifiche che riterranno di mettere in campo il dirigente scolastico e l’Ufficio Scolastico Regionale, per appurare se si sia in presenza di un caso di discriminazione. La scuola è il luogo per eccellenza deputato allo sviluppo e alla realizzazione della persona umana, e non può ovviamente ammettere al proprio interno alcuna forma di discriminazione”.

Immediata la replica di Pietro Turano, portavoce di Gay Center: “Bene per le parole di condanna alla discriminazione del Ministro, restiamo dunque in attesa di conoscere, auspichiamo in tempi brevi, l’esito che sanzioni il docente, a tutela della comunità studentesca del Cavour. Pertanto, a tutela di ogni studente transgender, invitiamo il Ministro ad attuare l’adozione delle carriere alias a livello nazionale per tutte le scuole superiori, con formazione del personale scolastico. A tal fine siamo a disposizione per supportare il Ministero“.

La carriera alias, lo ricordiamo, è un profilo alternativo sul registro di classe e sui documenti scolastici, che prevede l’uso del nome d’elezione anziché di quello anagrafico. La Lega ha sempre espresso contrarietà nei confronti della carriera alias.

L’onorevole Rossano Sasso (Lega), intervistato da Pro Vita & Famiglia, l’ha così ieri ribadito:

Basta vigilare e far applicare la legge. Soltanto un giudice amministrativo e un medico possono prendere determinate decisioni per un minorenne, non un insegnante, né tantomeno il militante di un’associazione. Da deputato, da ex sottosegretario, da insegnante e anche da padre, affermo che si debba rispettare la legge. Bene farà il Ministero dell’Istruzione e del Merito a impedire, se necessario, che – fermo restando il rispetto e la tutela di chi sta vivendo un percorso di transizione – nelle scuole possa affermarsi un’ideologia a fini meramente politici: iniziative del genere non troveranno mai il mio consenso“.

Sempre nella giornata di ieri, Giuseppe Valditara è finito in una polemica legata all’anniversario della caduta del muro di Berlino. Il ministro dell’istruzione ha inviato una lettera agli studenti d’Italia per celebrare “il giorno della libertà” e ricordare “l’esito drammaticamente fallimentare” del comunismo, “grande utopia” che per essere realizzata deve esercitare un “potere assoluto senza alcuna pietà, e che tutto – umanità, giustizia, libertà, verità – sia subordinato all’obiettivo rivoluzionario“. “Prendono così forma regimi tirannici spietati, capaci di raggiungere vette di violenza e brutalità fra le più alte che il genere umano sia riuscito a toccare“, ha concluso Valditara, senza fare alcun accenno al nazifascismo.

Il 18 novembre gli studenti di tutta Italia scenderanno in piazza contro il Governo e il DL “sui rave party” che ha suscitato non poche polemiche politiche e dubbi costituzionali.  Due giorni dopo, per il Transgender Day of Remembrance, si terranno invece giornate contro la transfobia sia a Napoli che a Milano.

[scribd id=606274877 key=key-RXjT8aXUpB3znhFNPRbg mode=scroll]

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

2023, l’anno nero per i diritti LGBTQIA+ negli Stati Uniti d’America

News - Redazione 27.12.23
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Marilena Grassadonia Intervista Elezioni Europee 2024 Verdi e Sinistra Italiana

Europee 2024, intervista a Marilena Grassadonia: “Pace, ambiente, battaglie transfemministe e del movimento LGBTQIA+”

News - Federico Boni 16.5.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

Nuova bufera su J.K. Rowling, accusata di negazionismo dell’Olocausto nei confronti delle persone trans

News - Federico Boni 15.3.24
J.K. Rowling centro stupri anti-trans* Gay.it

J.K Rowling avrebbe donato 70.000 sterline ad un’associazione transfobica

News - Redazione 20.2.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno - Lavinia Mennuni - Gay.it

Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno

News - Redazione 22.3.24