Afghanistan, il grido d’allarme degli afgani LGBT: “I talebani ci vogliono morti”, il report

60 afghani LGBTQ hanno denunciato minacce, stupri, aggressioni, detenzioni illegittime. L'inferno talebano.

Afghanistan, il grido d'allarme degli afgani LGBT: "I talebani ci vogliono morti", il report - 160711 luongo afghanistan gay tease chdlwn - Gay.it
5 min. di lettura

Ancora grida d’allarme dall’Afghanistan, con lesbiche, gay, bisessuali e persone transgender minacciate dai talebani che la scorsa estate sono tornati al potere. Un nuovo report di 43 pagine firmato OutRight Action International e Human Rights Watch denuncia quanto sta avvenendo nel Paese, nella quasi totale indifferenza del resto del mondo.

Il rapporto si basa su 60 interviste ad afghani LGBT, attaccati o minacciati dai talebani a causa del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere. Molti di questi hanno denunciato abusi da parte di familiari, vicini e partner, convinti di dover agire contro le persone LGBT a loro vicine per garantire la propria sicurezza. Alcuni sono fuggiti dalle loro case, altri hanno visto scomparire dall’oggi al domani vite che avevano costruito con cura nel corso degli anni.

Abbiamo parlato con afghani LGBT sopravvissuti a stupri di gruppo, attacchi di massa o perseguitati dai loro stessi familiari che si sono uniti ai talebani, afghani che non hanno speranza che le istituzioni statali li proteggano“, ha affermato J. Lester Feder di OutRight Action International. “Per quelle persone LGBT che vogliono fuggire dal Paese ci sono poche opzioni; la maggior parte dei Paesi vicini all’Afghanistan criminalizza le relazioni omosessuali. È difficile sopravvalutare quanto devastante – e terrificante – sia stato il ritorno del governo talebano per gli afgani LGBT”.

La maggior parte degli intervistati si trova ancora in Afghanistan, mentre altri sono riusciti a fuggiti nei Paesi vicini. L’Afghanistan è un luogo pericoloso per le persone LGBT da prima che i talebani riprendessero il pieno controllo del Paese il 15 agosto 2021. Nel 2018, il governo dell’allora presidente Ashraf Ghani aveva approvato una legge che criminalizzava esplicitamente le relazioni sessuali tra persone dello stesso sesso. Le persone LGBT intervistate hanno subito abusi a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere ancor prima del ritorno al potere dei talebani, comprese violenze sessuali, matrimoni forzati, violenze fisiche da parte delle loro famiglie, espulsioni dalle scuole, ricatti e denunce. Molti sono stati costretti a nascondere aspetti chiave della loro identità alla società e alla famiglia, agli amici e ai colleghi.

Tuttavia, quando i talebani, che erano già stati al potere dal 1996 alla fine del 2001, hanno ripreso il controllo del Paese, la situazione è drammaticamente peggiorata. I talebani hanno riaffermato la criminalizzazione delle relazioni omosessuali da parte del governo precedente, affidandosi alla legge della Sharia. Un uomo gay ha detto che i talebani lo hanno detenuto a un posto di blocco, lo hanno picchiato e violentato in gruppo, dicendogli: “D’ora in poi, ogni volta che vorremo trovarti, lo faremo. E faremo quello che vogliamo con te”. Una lesbica ha detto che dopo il ritorno del talebani i suoi parenti maschi hanno minacciato di ucciderla a causa del suo orientamento sessuale.

La maggior parte delle persone intervistate nel report credeva che la loro unica strada verso la salvezza fosse chiedere asilo in un Paese con maggiori protezioni per le persone LGBT, ma pochissimi afgani LGBT in fuga dall’Afghanistan hanno raggiunto un Paese realmente sicuro.

“I talebani si sono impegnati esplicitamente a non rispettare i diritti degli afgani LGBT”, ha affermato Heather Barr, direttrice associata per i diritti delle donne presso Human Rights Watch. “È di fondamentale importanza che i governi interessati esercitino urgentemente pressioni sui talebani affinché rispettino i diritti delle persone LGBT, assicurino che l’assistenza che forniscono in Afghanistan raggiunga le persone LGBT e riconoscano che gli afgani LGBT in cerca di asilo corrono un rischio di persecuzione in Afghanistan e nei Paesi vicini”.

A seguire riportiamo tre storie di afghani LGBTQ, dopo averne raccontate tante altre nei mesi scorsi. Lo scorso agosto 138 organizzazioni avevano chiesto protezione per gli afgani LGBT dopo il ritorno dei talebani, con gli appelli di Alberto Cairo della Croce Rossa e di Liz Barker.

Afghanistan, il grido d'allarme degli afgani LGBT: "I talebani ci vogliono morti", il report - afghanistanlgbt - Gay.it

Ramiz S.

Poche settimane dopo che i talebani hanno preso il controllo di Kabul, Ramiz S. si è recato nel suo ex ufficio per riscuotere lo stipendio. Ramiz, 20 anni, era rimasto lontano dal posto di lavoro perché svolgeva una professione che i talebani avevano preso di mira. Ma aveva bisogno di soldi. Ramiz ha dovuto superare vari posti di blocco, quando un uomo armato gli ha gridato: “Sei un izak”, termine dispregiativo utilizzato per etichettare i gay. A quel punto un altro uomo ha colpito Ramiz alla gola, gli ha dato un pugno allo stomaco e gli ha dato un calcio sulla schiena. Lo hanno caricato su un’auto e l’hanno portato in un altro luogo, dove quattro uomini l’hanno frustato e violentato in gruppo per otto ore.

Quando lo hanno rilasciato, gli hanno detto che sarebbero venuti di nuovo a prenderlo. “D’ora in poi ogni volta che vorremo trovarti, lo faremo. E faremo tutto ciò che vogliamo con te”, ha ricordato Ramiz. Poco dopo il 20enne ha ricevuto la notizia che due uomini sono andati nel suo ufficio e hanno chiesto i suoi documenti, incluso il suo indirizzo e l’indirizzo della sua famiglia nella sua provincia di origine. Ramiz si è nascosto, ma i  talebani hanno visitato ripetutamente la casa dei suoi genitori chiedendo di sapere dove si trovasse. Ad un certo punto hanno occupato la casa della sua famiglia per tre giorni, interrogando i membri della famiglia e picchiando i suoi fratelli.

Hamid N.

Circa due settimane dopo che i talebani hanno ripreso Kabul, i genitori del ragazzo di Hamid N. sono andati a bussare alla sua porta. I due uomini si erano conosciuti all’università e hanno fatto coppia per circa un anno, anche se i genitori del suo ragazzo pensavano che fossero soltanto amici. I genitori del fidanzato hanno detto ad Hamid che loro figlio era scomparso da due o tre giorni. Ma anche Hamid non aveva avuto sue notizie. Il giorno successivo la famiglia ha trovato il corpo del figlio.

I genitori sono tornati a casa di Hamid, dicendo di aver sentito voci secondo cui Hamid fosse gay e temevano che il loro figlio potesse essere stato ucciso a causa della loro relazione. “È stato un avvertimento anche per me”, ha ricordato Hamid, poi riuscito a fuggire dal paese.

Spazzolana Y.

Brushna Y. viveva con la famiglia di suo zio in un piccolo villaggio. A luglio, circa sei settimane prima della caduta di Kabul, sua cugina ha scoperto Brushna con la sua compagna e l’ha riferito allo zio. Suo zio voleva ucciderla, ha detto Brushna, per “sbarazzarsi di questa vergogna”.

Brushna è riuscita a scappare ed è tornata a casa dei suoi genitori. Suo zio e suoi cugini maschi hanno chiesto che venisse uccisa. I suoi genitori si sono rifiutati e l’hanno fatta fidanzare con un uomo che non sapeva che fosse lesbica. Ma suo zio e i cugini non erano ancora soddisfatti, continuando a volerla morta. Finché il governo precedente era al potere, Brushna non era troppo preoccupata. “A quel tempo non c’erano talebani, c’era la polizia”, ricorda. “Nessuno avrebbe potuto uccidermi tanto facilmente.” Ma quando il governo è caduto in agosto, suo zio e i suoi cugini maschi si sono uniti ai talebani. Ora, insistevano, avevano il potere di uccidere Brushna se suo padre non avesse agito. “Se non hai intenzione di farlo, lo faremo noi”. “Ne abbiamo l’autorità”.

I suoi genitori hanno organizzato un matrimonio veloce e a seguire hanno pagato il marito per portarla in un Paese vicino, dicendogli che avrebbe avuto più fortuna nel trovare lavoro. Ma una delle sue cugine ha confidato all’uomo che sua moglie era lesbica. Ora, ha detto Brushna, suo marito la picchia quasi ogni giorno e non le permette di uscire di casa. “Temo che mi ucciderà, o il figlio di mio zio mi ucciderà”, ha confessato Brushna.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24

Continua a leggere

india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
ragazza-lesbica-aggredita-bojano

Prese a schiaffi e insultò coppia di donne lesbiche. Condannato a 5 mesi e 9 giorni di reclusione

News - Redazione 23.2.24
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
messico-violenza-persone-trans

Messico, è un massacro: quattro gli omicidi di persone trans documentati dall’inizio dell’anno

News - Francesca Di Feo 18.1.24