Francia, 2 milioni di euro alle ambasciate per la tutela dei diritti LGBTQIA+ nel mondo

Un aiuto concreto a “coloro che difendono i diritti delle persone LGBT+ quotidianamente e in tutto il mondo, a volte a rischio della propria vita".

ascolta:
0:00
-
0:00
francia-fondo-lgbt-ambasciate
La Ministra degli Esteri francese, Catherine Colonna - Fonte Twitter.com @Gaulois_00
2 min. di lettura

Tendiamo spesso a concentrarci su figure come Orban, Duda e Meloni – al punto da dimenticare talvolta che esistiamo in un’Europa progressista, lontana anni luce da quell’asse a cui siamo costretti ad associarci.

Mentre eventi come l’Europride ci servono come promemoria di questa realtà, a ricordarcelo ci sono anche iniziative da parte di altri paesi, come la Francia, che ha recentemente destinato un fondo specifico alle sue ambasciate con il solo obiettivo di promuovere, sostenere e consolidare i diritti LGBTQIA+ a livello globale.

Durante la 78esima Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che coincideva con il 15esimo anniversario del proprio gruppo dedicato ai diritti LGBTQIA+, l’ONU ha sottolineato con enfasi che la tutela delle minoranze è una problematica di rilevanza internazionale.

Tale questione non può quindi essere relegata a cerchie ristrette o “echo chamber” dove c’è un consenso preesistente, ma richiede un impegno su scala globale, specialmente in quei paesi che – come il nostro – non dispongono ancora di una legislazione trasparente in ambito di linguaggio d’odio omobitransfobico.

[si ribadisce l’importanza di proteggere i membri della comunità da atteggiamenti omofobi e transfobici] spesso associati alla mancanza di un’adeguata protezione legale contro la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”.

Da qui, la rapida risposta della Francia: con un budget di 2 milioni di euro, le ambasciate francesi potranno assistere comunità che subiscono discriminazioni, sia all’interno che al di fuori dei propri confini nazionali, nel pieno rispetto delle normative e delle restrizioni vigenti.

La Ministra degli Esteri francese, Catherine Colonna, ha ulteriormente sottolineato la finalità dei fondi stanziati, ovvero quella di offrire un aiuto concreto, specialmente a “coloro che difendono i diritti delle persone LGBT+ quotidianamente e in tutto il mondo, a volte a rischio della propria vita“.

Una mossa che va a corroborare l’impegno della Francia verso le questioni LGBTQIA+, già consolidato con la nomina nel 2022 del primo Ambasciatore per i Diritti LGBT+ nella storia della diplomazia francese, Jean-Marc Berthon – collega del nostro Inviato Speciale italiano per i Diritti Umani delle persone LGBTIQ+, Fabrizio Petri, in carica già dal 2021.

>> Intervista a Fabrizio Petri, Inviato Speciale italiano per i diritti umani delle persone LGBTIQ+

Oggi, le casse di questo specifico dipartimento verranno rimpolpate, per facilitare una cooperazione internazionale utile a diffondere la cultura della diversità e della tolleranza attraverso il dialogo e il confronto con le istituzioni nazionali per i diritti umani, ai difensori dei diritti umani e ai ministeri responsabili della sicurezza e della giustizia.

La Francia“, si legge in un comunicato pubblicato sul sito ufficiale dell’Ambasciata Francese “chiede, oltre alla depenalizzazione, il pieno rispetto di tutti i diritti delle persone LGBT+, in particolare delle libertà di espressione e di riunione, troppo spesso ostacolate da leggi che vietano la menzione delle questioni LGBT+ nello spazio pubblico o impediscono l’attività delle ONG impegnate su questi problemi“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The Room Next Door di Pedro Almodovar, 1a immagine e sinossi del film con Tilda Swinton e Julianne Moore - The Room Next Door di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door di Pedro Almodovar, 1a immagine e sinossi del film con Tilda Swinton e Julianne Moore

Cinema - Redazione 13.6.24
Sanremo 2025, parla Carlo Conti: "Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival" - Carlo Conti - Gay.it

Sanremo 2025, parla Carlo Conti: “Meno canzoni, separati big e nuove proposte. Torna il Dopofestival”

Culture - Redazione 13.6.24
Fabio Tuiach assolto in appello dopo l'iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba - Fabio Tuiach a processo - Gay.it

Fabio Tuiach assolto in appello dopo l’iniziale condanna a due anni. La sua non era diffamazione omofoba

News - Redazione 13.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: "Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni" - Pride Croisette 2 - Gay.it

Roma Pride 2024, intervista a Mario Colamarino: “Siamo la somma di tutte le lotte, la vera opposizione al governo Meloni”

News - Federico Boni 12.6.24

Continua a leggere

aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+ - Screenshot 2024 06 10 143141 - Gay.it

Europee, Francia: il Rassemblement National di Le Pen e Jordan Bardella e i temi LGBTIQ+

News - Lorenzo Ottanelli 10.6.24
cgil-tesseramento-alias

Anche CGIL apre al tesseramento alias: “L’accoglienza delle tante diversità non è un qualcosa di facoltativo, ma necessario”

News - Francesca Di Feo 21.1.24
Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
bandiera progress pride

Le conquiste internazionali sui diritti LGBTQIA+ del 2023

News - Federico Boni 19.12.23