Qui ricordiamo quando Lega, Salvini e la Bestia di Luca Morisi hanno abusato di noi LGBTQ+

Ripercorriamo alcuni passaggi in cui la strategia di odio sociale seminata da Salvini e Morisi ha toccato la nostra comunità.

Luca Morisi Matteo Salvini
Luca Morisi e Matteo Salvini
4 min. di lettura

E come nei migliori e attesissimi sequel, la delusione (non la nostra) è lì, in agguato. La sceneggiatura scritta per decenni dalla Lega, il ce l’ho duro di Bossi urlato e ripetuto nei comizi e nelle interviste, l’apoteosi della mascolinità, la virilità 2.0 dell’uomo padano, ha visto per la prima volta una battuta d’arresto.

Non che servisse alcuna prova a chi osservava il disfarsi dell’ideologia paterna dall’esterno, la crisi edipica della Lega Nord. Il dramma si è svolto interamente nella bolla del Partito, che la si immagina, come negli spogliatoi dei collage americani (colpa dell’iconografia anche qui), piena di uomini a torso nudo che in un loop infinito fatto di grida e muscoli, tentano inutilmente di rinvigorire la loro retorica maschia.

Bossi Lega
Umberto Bossi

Predatore e preda, la famigerata Bestia (Luca Morisi), che negli ultimi anni ha curato le uscite pubbliche di Salvini e del Partito, ha giocato da miglior attore non protagonista, servendo il colpo di scena finale. Forse nemmeno tanto, per chi è abituato allo sgretolarsi dell’immaginario delle famiglie troppo perfette, troppo in linea con i propri principi da fare il giro completo e finire dalla parte opposta. Ma non è questo che ci affascina? Che, alla fine, le rende più tollerabili, più umane?

Ma facciamo un passo indietro, quando l’illusione era ancora viva. Quando il machismo di Partito era un ferro caldo su cui battere quotidianamente. Con gli anni, Salvini e la sua Lega hanno tentato di tenere alta l’ideologia bossiana con uscite più o meno fiacche, più o meno contraddittorie, che hanno colpito e svilito intere fasce della società, non ultima la comunità LGBTQ+.

Certo, bisogna aver presente quello che forse è il vero protagonista della storia, il sopracitato modello di uomo padano, diventato italico con Salvini, diventato anche donna conforme a quei canoni. Il pubblico ansimante, in attesa della prossima uscita del paladino da condividere ovunque nell’illusione di perpetuare la propria forza.

Qui ricordiamo quando Lega, Salvini e la Bestia di Luca Morisi hanno abusato di noi LGBTQ+ - Luca Morisi - Gay.it

«Posso dire che è proprio sui social media che è iniziato, in tempi antichi e non sospetti, il passaggio dalla dimensione della vecchia Lega a quella nuova. Già dal 2014, quando Salvini ha assunto il ruolo di segretario, abbiamo iniziato a nazionalizzare la comunicazione. È lì che si è vista tutta la potenzialità che c’era. Di fatto, una rivoluzione copernicana nella Lega e posso dire che i social network sono stati fondamentali».

Queste le dichiarazioni di Luca Morisi, sedicente digital philosopher, ideatore della Bestia. Effettivamente un lavoro certosino che ha portato la Lega a diventare la prima forza politica in Italia. Ed è proprio da questa fatica che sono venute fuori le dichiarazioni (e relative azioni) più preoccupanti per il mondo LGBTQ+.

“I bambini devono nascere e crescere come il buon Dio ha deciso, l’utero in affitto è bieco e volgare egoismo. Ma pensiamo al bambino: oltre all’egoismo del genitore pensiamo al bimbo. Se cresce con genitori o un genitore gay parte da un gradino più sotto. Parte con handicap” ha affermato Salvini nel 2015 nel programma radiofonico La Zanzara.

Non lontano cade il suo intervento in Senato, lo scorso gennaio: “Noi pensiamo che la mamma si chiami mamma e il papà si chiami papà. Noi siamo per la difesa della vita sempre e comunque. I nostri modelli sono i centri di aiuto alla vita e non le pillole abortive regalate per strada a chiunque“. Dove a dover essere chiariti sono i luoghi frequentati da Salvini con tanto di medicinali in omaggio.

Qui ricordiamo quando Lega, Salvini e la Bestia di Luca Morisi hanno abusato di noi LGBTQ+ - Salvini e Luca Morisi - Gay.it

Il DDL Zan ha rappresentato terreno fertile per Salvini e la sua Bestia, proprio riguardo al ritorno del decreto legge in Aula a settembre ha dichiarato: “Io non accetto si tirino in ballo i bambini di 6 anni la cui educazione spetta ai genitori e che si impongano le scelte di pochi come il dovere di molti. Rispetto le scelte di vita di tutti ma guai a chi mette in discussione la famiglia, la mamma e il papà. Penso sia semplice e non discriminatorio verso nessuno”. 

Qui ricordiamo quando Lega, Salvini e la Bestia di Luca Morisi hanno abusato di noi LGBTQ+ - polonia marcia gay - Gay.it

Come dimenticare invece le alleanze, sancite lo scorso luglio con la Carta dei valori, firmata insieme a Giorgia Meloni.  Sono stati selezionati ad hoc i leader e i partiti più omotransfobici e sovranisti d’Europa: da Orbán, a Le Pen, alla Polonia – con le sue “LGBT-free zones” – solo per citarne alcuni.

La già infelice condizione del Partito è stata costellata negli anni da collaboratori – come ha ricordato Fedez sul palco del Primo Maggio – che hanno farcito il discorso con HIV e AIDS citati a sproposito, Genitore 1 e Genitore 2, figli da bruciare e gay che “dovrebbero comportarsi da persone normali“.

Insomma, il sequel è nelle sale, il colpo di scena servito, la sceneggiatura ricca e le parole con cui è scritta contano. Ora, la palla è nelle mani del pubblico con il suo consenso.

Qui: Quando Luca Morisi invocava le orge gay con consumo di droghe come un insulto 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 1.10.21 - 11:26

Nessuna forma di pietas per questa gentaglia!

Trending

Queen Lear, arriva una serie sulla vita di Amanda Lear - Scaled Image 43 - Gay.it

Queen Lear, arriva una serie sulla vita di Amanda Lear

Serie Tv - Redazione 8.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24

Continua a leggere

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
GPA reato universale, 2 emendamenti Lega per inasprire DDL Varchi. 10 anni di carcere e 2 milioni di euro di multa - Matteo Salvini e Roberto Vannacci - Gay.it

GPA reato universale, 2 emendamenti Lega per inasprire DDL Varchi. 10 anni di carcere e 2 milioni di euro di multa

News - Redazione 21.6.24
Danilo Oscar Lancini, l'europarlamentare leghista contro spot con due papà: "Ma stiamo scherzando?" - VIDEO - Libenar - Gay.it

Danilo Oscar Lancini, l’europarlamentare leghista contro spot con due papà: “Ma stiamo scherzando?” – VIDEO

Culture - Redazione 12.2.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24