Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop – Intervista a Trackie McLeod

"Penso che come 'maschio' finché non sei a tuo agio con te stesso, allora c'è sempre un elemento di performance.”

ascolta:
0:00
-
0:00
Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop burberry
Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop burberry
5 min. di lettura

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trackie McLeod (@trackiemcleod)

 

Giusto un assaggio di normalità prima di essere gay, sì proprio così, crescere e formare la propria personalità in un contesto sociale saldamente imperniato sui crismi della mascolinità tossica ci ha fatto spesso sembrare tutto più difficile, e qualche volta anche sospirare in un anelato miraggio di apparente regolarità, immaginandoci ciò che non siamo. Uniformandoci alla massa.

Trackie Mcleod è un artista visivo di Glasgow nato e cresciuto nella classe operaia scozzese , le sue opere sono un concentrato di design e arte. Fotografia e installazioni si mescolano in salsa British pop, ripercorrendo la decade a cavallo tra i 90′ e gli anni 2000.

 

Un percorso autobiografico nell’intimità dell’artista, interamente basato sul simbolismo datato dell’epoca in cui Trackie era adolescente; la sua è una riflessione su tematiche legate alla consapevolezza in gioventù della propria interiorità, una escalation di conflitti sussurrati dal cuore in continua lotta con i dogmi sociali urlati da una Scozia conservatrice e chiusa.

“C’è spesso un’aspettativa culturale di inserirsi nello stereotipo maschile o nel calcio. Penso che come ‘maschio’ finché non sei a tuo agio con te stesso, allora c’è sempre un elemento di performance.”

La critica sociale di Trackie è una rilettura dei codici classici della cultura popolare, dove il sarcasmo dell’artista è addolcito dal sapore nostalgico dei ricordi, dal colore pop delle subcuture e dalla semplicità seppure greve di usi e costumi della vita quotidiana.

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - 2003 2018 scaled - Gay.it
‘2003’ (2018)

 

Com’è stata la tua infanzia a Glasgow?

La mia infanzia è stata la tipica educazione della classe operaia scozzese. Non ho dovuto desiderare troppo per niente e ho lavorato per quello che non avevo. Sì, Glasgow è grigia, umida e ha tutti gli stereotipi che hai sentito su di essa, ma è anche piena di persone fantastiche e ha fatto da sfondo colorato alla mia crescita.

 

Hai mai avuto un episodio in cui sei stato discriminato?

Penso che nell’ovest della Scozia, se non hai subito alcuna discriminazione come persona queer, allora puoi ritenerti fortunato. Personalmente, all’inizio ho dovuto sviluppare una pelle spessa e ho dovuto affrontare la mia giusta dose di pregiudizi da adolescente. Tuttavia, da adulto, queste esperienze mi hanno reso più resiliente e orgoglioso di essere queer. Questa è una delle mie citazioni preferite che riassume meglio quello che penso: “Le persone queer non crescono secondo il loro vero essere, cresciamo interpretando una versione di noi stessi che sacrifica l’autenticità per ridurre al minimo l’umiliazione e il pregiudizio. L’enorme compito della nostra vita adulta è quello di individuare quali parti di noi stessi sono veramente reali e quali parti abbiamo creato per proteggerci.”

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - I havent felt this good since Archie Gimmel scored against Holland in 1978 2020 scaled - Gay.it
I haven’t felt this good since Archie Gimmel scored against Holland in 1978! (2020)

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Mummys Boy 2018 scaled - Gay.it
‘Mummy’s Boy’ (2018)

 

Cosa pensi della mascolinità tossica?

Questa è una grande domanda e non sono sicuro di avere una grande risposta. Ho vissuto a lungo in quel mondo, credo che sia una parte radicata della nostra cultura che va di pari passo con il patriarcato. Fino a quando gli uomini non inizieranno a notare questo comportamento in se stessi e a risolverlo, esso continuerà a essere intrinsecamente tramandato e a far parte della cultura generale.

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - A Full English 2018 - Gay.it
‘A Full English’ (2018)

 

 

 

Quanto la mascolinità tossica ha influenzato la tua infanzia?

Per quanto riguarda la sua influenza sulla mia infanzia, probabilmente mi ha limitato e mi ha spinto a chiudermi maggiormente. Ritengo che abbia anche reso l’esperienza del coming out molto più difficile poiché non avevo gli strumenti per capire le emozioni che avevo represso, e quello che avevo maturato e capito su me stesso è uscito con rabbia.

 

Pensi sia possibile imparare qualcosa dalla mascolinità classica?

La mascolinità può essere di tutte le forme e dimensioni. La mascolinità può significare qualcosa di diverso per tutti. Il genere è un costrutto sociale.

 

Stereotipi iper-mascolini: a volte possono affascinarci. Come esplori gli effetti dannosi dell’ iper-mascolinità attraverso la tua arte?

Il fascino per me deriva dalla consapevolezza di voler essere quel ragazzo iper-maschile, di essere ‘uno dei ragazzi’, c’era un’aspettativa culturale di inserirsi nello stereotipo maschile o nel calcio. Penso che come ‘maschio’ finché non sei a tuo agio con chi sei, allora c’è sempre un elemento di performance. Cerchi di adattarti a questo ideale di ciò che deve essere un ‘maschio’. Solo ora sono abbastanza a mio agio da guardare indietro a quelle esperienze di crescita e riderci sopra, ed è questo l’umorismo che uso nel mio lavoro. Faccio luce sulle mie esperienze usando il sarcasmo, spero che le renda più facili da scoprire ed affrontare e non troppo pesanti da affrontare.

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Home Time 2017 scaled - Gay.it
‘Home Time’ (2017)

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Mummys Boy 2 2018 scaled - Gay.it
‘Mummys Boy’ 2 (2018)

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Press Pictures by Alex James Saylin00002 scaled - Gay.it
Trackie McLeod @Alex James Saylin

 

Credi che le nuove generazioni siano più consapevoli e pronte a riconoscere la propria natura?

Sicuramente, penso che le giovani generazioni siano più disposte ad avere conversazioni scomode, il che è importante. Grazie a internet ci sono più risorse, le persone sono più consapevoli dello stigma, della tossicità, dei comportamenti interiorizzati ecc. Da quando ero più giovane mi sembra che siano stati fatti dei progressi, anche se lenti. Avanti, abbasso il patriarcato!

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Sash or Chicane Mono Print Pen Trackie McLeod 2021 scaled - Gay.it
‘Sash or Chicane’ Mono Print_Pen – Trackie McLeod 2021

 

Puoi mandare un messaggio ai lettori italiani di Gay.it?

Mando la mia ammirazione e il mio amore a coloro che combattono e hanno combattuto per i principi del DDL Zan. Tutti meritano i diritti umani fondamentali! Dovete continuare!

 

https://www.instagram.com/trackiemcleod/

https://trackiemcleod.com/

 

Mascolinità e subculture popolari in salsa British Pop - Intervista a Trackie McLeod - Making Connections2020 01 06 at 10.30.02 pm 3 scaled - Gay.it
‘Making Connections’2020-01-06 at 10.30.02 pm 3

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24
100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale - Dario e Giorgio - Gay.it

100% Italia, Dario e Giorgio sono tornati per Il Torneo dei Campioni. E volano in semifinale

News - Redazione 17.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

(variety)

Emerald Fennell vuole provocarci (senza farci vergognare)

Cinema - Riccardo Conte 16.11.23
i want you to know my story di Jess Dugan

Tra nuovi sguardi e corpi fuori dagli schemi: benvenutə al Gender Bender 2023!

Culture - Riccardo Conte 24.10.23
20 romanzi pubblicati nel 2023 da regalare a Natale - Sessp 5 - Gay.it

20 romanzi pubblicati nel 2023 da regalare a Natale

Culture - Federico Colombo 12.12.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
Il rosa è solo un colore Claudio Volpe

Bullismo omofobico: ce lo racconta Claudio Volpe nel suo nuovo libro “Il rosa è solo un colore”

Culture - Emanuele Cellini 23.10.23
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24