Nowa Deba prima città polacca a rimuovere la LGBT-Free Zone: “Siamo stati fraintesi”

Dopo mesi di polemiche e minacce dall'Europa, Nowa Deba ha cancellato la vergognosa definizione. All'appello mancano ora decine e decine di altre città polacche.

Nowa Deba prima città polacca a rimuovere la LGBT-Free Zone: "Siamo stati fraintesi" - Nowa Deba - Gay.it
2 min. di lettura

Nowa Dęba è una città nella contea di Tarnobrzeg, in Polonia, con poco più di 11.000 abitanti. Fino a pochi giorni fa Nowa Dęba ostentava quasi con orgoglio un cartello con sopra scritto “LGBT-Free Zone”. Nulla di tristemente nuovo, visto e considerato che decine e decine di città polacche hanno così abbracciato l’omotransfobia di Stato.

Ebbene a Nowa Dęba hanno ora fatto un passo indietro, cancellando quell’oscenità. Non più “zona libera dall’ideologia LGBT”. Gli amministratori locali hanno parlato di “fraitendimento“, da altri “sfruttato” per danneggiare l’immagine della città. Peccato che un quotidiano conservatore nazionale abbia persino stampato adesivi con sopra scritto “LGBT-Free Zone“, in modo che i lettori possano esporli pubblicamente.

Nowa Dęba aveva perso anche il gemellaggio con con la città di Fermoy, in Irlanda, lo scorso ottobre, proprio a causa di questa omotransfobia amministrativa. All’epoca il sindaco di Nowa Dęba, Wiesław Ordon, parlò di “notizie false“, perché a suo dire quella dichiarazione non aveva alcun effetto giuridico effettivo. E allora perché definirsi tali? Perché esporre i cartelli? Dieci consiglieri hanno ora votato a favore della revoca, pochi giorni fa, mentre uno si è astenuto e altri quattro non hanno partecipato. Damian Diektiarenko, a capo del consiglio cittadino, ha tuonato: “Non possiamo permettere a nessuno di usare questa questione contro il nostro comune. Non possiamo permettere a nessuno di offuscare la nostra immagine sfruttando questa dichiarazione“. Peccato abbiano fatto tutto da soli.

Negli ultimi anni il governo polacco ha preso di mira la comunità LGBT nazionale. Le zone “libere da LGBT” sono nate per volontà del partito del capo di Stato Andrzej Duda, Diritto e Giustizia. Cinquanta Paesi di tutto il mondo hanno firmato una lettera aperta chiedendo alla Polonia di “proteggere tutti i cittadini dalla violenza e dalla discriminazione e di garantire loro pari opportunità”. “A tal fine, e in particolare per proteggere le comunità che necessitano protezione da abusi verbali e fisii e dall’incitamento all’odio, dobbiamo lavorare insieme in un ambiente di non discriminazione, tolleranza e accettazione reciproca“.

L’Europa ha minacciato ripercussione economiche ai danni del Paese, con aiuti finanziari post-Covid cancellati.  Minacce che hanno iniziato  a far breccia. Almeno a Nowa Dęba.

https://twitter.com/BartStaszewski/status/1354802959347924992/photo/1

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Continua a leggere

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24