Sei troppo gay, non puoi lavorare

Dopo l'indagine Istat, l'Espresso raccoglie alcune storie di discriminazione LGBTQI+ sul lavoro.

ascolta:
0:00
-
0:00
LGBTQI+ discriminazioni sul lavoro
LGBTQI+ discriminazioni sul lavoro
2 min. di lettura

 

Stando ad un ultimo servizio dell’Espresso – a cura di Chiara Sgreccia e del nostro Simone Allivai dati Istat confermano che nel nostro paese la situazione per le persone LGBTQIA+ è ancora tutt’altro che rosea: in Italia tra il 2020-2021 almeno una persona LGBTQIA+ su cinque conferma di aver subito discriminazioni o aggressioni sul posto di lavoro.

 

istat omotransfobia
Il report sui dati pubblicati da ISTAT sono basati su coppie unite civilmente>

 

Da il caso di Monica, donna transgender, operatrice sociosanitaria in una clinica psichiatrica, che è stata costretta a condividere lo spogliatoio con gli uomini, dovendosi barcamenare tra deadnaming e molestie ripetute. Non è stato sufficiente neanche far vedere il certificato d’incongruenza: “Ma nessuno l’ha preso sul serio. Hanno continuato a chiamarmi Mario“. Quando ha provato a ribellarsi, è stata multata con una lettera disciplinare. O la storia di Giuseppe Pecce, insegnante 42enne, che è stato convocato dal preside della scuola per aver utilizzato la parola “pazzesco”: “Non dovresti usare questa parola. È troppo gay” gli hanno risposto. Tenuto alle strette e imbavagliato per ogni lavoro creativo o “anti-norma”, a Giuseppe non è stato rinnovato il contratto con la spiegazione: “Qui i froci non li vogliamo più“.

Anche le famiglie omogenitoriali non se la passano meglio: ne parlano Barbara e Chiara, mamme del piccolo Leonardo, nel bel mezzo di una lunga battaglia giudiziaria per essere riconosciute nelle amministrazioni locali. Alla fine ce l’hanno fatta, sono riuscite ad ottenere il congedo parentale, ma l’esperienza ha lasciato una brutta scottatura: “Hanno messo in dubbio il mio essere genitore. In quei mesi senza congedo sono stata costretta a rimanere a casa, in aspettativa non retribuita per badare a mio figlio”.

Come fa notare Francesco Rizzi, dal consiglio esecutivo della Rete Lenford, il problema non è l’assenza di una normativa (Rizzi fa riferimento alla n. 216 del 2003, per l’orientamento sessuale e il codice delle pari opportunità del 2006 che tutela anche per quanto riguarda l’identità di genere) ma risiede soprattutto sul piano culturale: “Nelle aziende, manca la conoscenza degli strumenti che esistono per tutelarsi” spiega Rizzi, aggiungendo che è fondamentale cambiare la propria mentalità e far sì che le varie associazioni esercitino le proprie funzioni in modo da contrastare ogni aggressione verso lavoratori e lavoratrici.

Una tematica fondamentale che verrà ulteriormente discussa questa Domenica 15 Maggio a Treviso, per l’incontro “Itinerari nel mondo T* tra significati, leggi e diritti”, convegno con dibattito sull’affermazione di genere nel mondo del lavoro” per la IV edizione del Treviso Equality Festival (dal 13 al 22 Maggio 2022): il convegno vedrà la partecipazione di Angelo Schillaci, giurista e professore associato di Diritto pubblico comparato all’Università Sapienza di Roma, Lucia Basso, Consigliera regionale di Parità del Veneto, Roberta Rosin, psicologa e psicoterapeuta dell’associazione Con-Te-Stare Padova e Mirco Di Naro, attivista e presidente di G.A.G.A. Vicenza.

Istat, via all’indagine sulle discriminazioni lavorative delle persone LGBTIQ+ non unite civilmente >

Qui per leggere l’articolo completo sull’Espresso.

Photo cover by jesse orrico on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24
Claudia Pandolfi Giffoni

Claudia Pandolfi in lacrime a Giffoni per “Il ragazzo dai pantaloni rosa”: “Sento la responsabilità di questo film”

Cinema - Emanuele Corbo 23.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Kamala Harris Brat

Perché Kamala Harris è una brat, cosa significa e quali star l’hanno già acclamata

News - Mandalina Di Biase 23.7.24

Continua a leggere

Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze - Omofobia 8 - Gay.it

Aggressione omofoba durante il Napoli Pride, trauma cranico per due ragazze

News - Redazione 1.7.24
coppia gay roma eur aggressione via delle tre fontane

Pestaggio coppia gay a Roma: individuati i 4 responsabili, non hanno precedenti – articolo in aggiornamento

News - Redazione 20.7.24
Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Salerno, aggressione omofoba al grido "ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*” - Omofobia 10 - Gay.it

Salerno, aggressione omofoba al grido “ricchi*ne, uomo di merd*, clandestino di merd*”

News - Redazione 3.5.24
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24