TikTok vieta misgendering e deadnaming: “Vogliamo creare uno spazio più sicuro per la comunità”

Dopo le polemiche degli scorsi mesi e le critiche per i contenuti anti-LGBTQ, l’azienda ha deciso di bannarli esplicitamente.

TikTok Gay.it
Tik Tok banna ogni forma di misgendering e deadname
3 min. di lettura

Quando si tratta di misgendering e deadnaming – quindi sbagliare volutamente il genere di qualcuno e chiamare una persona con il nome che le era stato assegnato prima della transizione – le piattaforme social non sono per niente un posto sicuro.

È la conclusione a cui era arrivata Sarah Kate Ellis, la CEO di GLAAD, quando nel 2021 ha presentato le nuove raccomandazioni dell’annuale GLAAD’s Social Media Safety Index.

Come per molte altre minoranze, la sicurezza per la comunità LGBTQ+ online non è sempre garantita.

Così, per arginare i danni, molte piattaforme si sono dichiarate alleate della comunità e decise a creare uno spazio più accogliente per tutti.

Peccato che poi quasi nessuno passi dalle parole ai fatti.

Finora l’unica azienda ad aver ufficialmente bannato misgendering e deadnaming era Twitter, a cui adesso si aggiunge la piattaforma più in voga del momento: TikTok.

Già negli scorsi mesi il social di video e content creators era stato oggetto di polemiche (come quando il nuovo voice over Disney censurava le parole gay e lesbica) e anche tra i contenuti condivisi dagli utenti non mancano di certo messaggi anti-LGBTQ.

TikTok Gay.it
Il misgendering sarà d’ora in avanti vietato su TikTok: impariamo a rispettare

Proprio a maggio 2021, l’associazione Media Matters for America – che controlla il flusso dei media, degli utenti e dei messaggi condivisi – aveva lanciato un’allarme che vedeva una falla nell’algoritmo di TikTok: veniva infatti usato per diffondere contenuti contro le persone queer in modo incontrollato.

Presto, fatto. Cormac Keenan, responsabile di Trust and Safety di TikTok, ha annunciato che nelle nuove community guidelines verrà espressamente vietato l’uso di misgendering, deadnaming e qualsiasi termine o contenuto che vada a recare danno alle comunità marginalizzate, LGBTQ+ e alle donne.

«Queste ideologie sono sono da tempo proibite»ha spiegato «ma era tempo di bannarle esplicitamente».

L’obiettivo è quello di creare uno spazio più sicuro e civile, insieme a costruire un dialogo più inclusivo, anche con la recente aggiunta della possibilità di inserire i propri pronomi sul profilo.

«La mossa di TikTok lancia un messaggio che altre piattaforme, che dicono di dare priorità alla sicurezza LGBTQ, dovrebbero seguire con azioni sostanziali come questa»

A Sarah Ellis ha fatto eco Bridget Todd, la direttrice delle comunicazioni del gruppo UltraViolet, che ha accolto con entusiasmo la notizia: «Applaudiamo TikTok per rispondere in modo efficace alle nostre raccomandazioni e implementarle in una politica utente più aggiornata e protettiva».

Tuttavia, la strada per le piattaforme social è ancora lunga.

TikTok Gay.it
Il deadnaming è offensivo e crudele nei confronti delle persone trans*

Troppo spesso, infatti, basta dare un like a un video taggato LGBT per essere indirizzati a una serie di contenuti omobitransfobici nella pagina dedicata ai suggerimenti. E questo non solo su TikTok.

È chiaro che le misure da prendere siano ancora tante, e ancora molto lavoro ci sia da fare.

Intanto, possiamo apprezzare il tentativo di limitarne la presenza, con delle nuove politiche che forse anche Facebook e Instagram dovrebbero prendere in considerazione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
The History of Sound, il film d'amore con Paul Mescal e Josh O'Connor sarà a Venezia? Parla il regista - The History of Sound il film damore con Paul Mescal e Josh OConnor sara a Venezia - Gay.it

The History of Sound, il film d’amore con Paul Mescal e Josh O’Connor sarà a Venezia? Parla il regista

Cinema - Redazione 12.6.24
Cristian Imparato, Io Canto Family 2024

Cristian Imparato ospite a “Io Canto Family”: com’è cambiato negli anni?

Culture - Luca Diana 11.6.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Foto: Matteo Gerbaudo

Giada Biaggi non si sente più in colpa: ‘Abbi l’audacia di un maschio bianco’, l’intervista

Culture - Riccardo Conte 18.3.24
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente” - Azul Rojas Marin - Gay.it

Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente”

News - Redazione 16.5.24
x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: "Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico" - La Vita che Volevi VITTORIASCHISANO IVANCOTRONEO - Gay.it

La Vita che Volevi, intervista a Ivan Cotroneo: “Raccontare storie di persone trans è un atto civile e politico”

Serie Tv - Federico Boni 28.5.24