Russia, il Governo all’attacco di un’associazione LGBTQ: “Minaccia per l’ordine pubblico e lo stato di diritto”

Il ministero della giustizia ancora una volta all'attacco di Russian LGBT Network.

vladimir putin russia
2 min. di lettura

La Russia prosegue nella sua ostentata guerra alla comunità LGBT, con un’altra denuncia presentata dal ministero della giustizia nei confronti della Sphere Charitable Foundation, l’entità legale sotto la quale opera da due decenni Russian LGBT Network.

Con atti legali inviati al tribunale di San Pietroburgo, il ministero ha affermato che “tutte le attività di Sphere sono contrarie alla politica statale progettata per preservare, espandere e sviluppare il capitale umano [del paese]”. Peccato che Russian LGBT Network, rete di di attivisti sparsa in 13 regioni, da anni non faccia altro che lottare per i diritti LGBT, avendo aiutato a scappare dalla Cecenia decine di persone LGBTQ perseguitate dal regime, gestito linee di assistenza e organizzato il primo storico Pride a San Pietroburgo.

Di tutt’altro avviso il Cremlino, secondo cui Russian LGBT Network diffonderebbe “punti di vista LGBT”, puntando a “cambiare la legislazione federale russa relativa al movimento LGBT”, ovvero la cosiddetta “legge contro la propaganda gay” che vieta la promozione di argomenti queer ai giovani minorenni. La causa intentata dal governo ha inoltre sottolineato il modo in cui la rete oserebbe promuovere “la parità di diritti e il rispetto della dignità umana indipendentemente dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”. Tale posizione, afferma il ministero, è in contrasto con la politica statale, rappresentando così “una minaccia per l’ordine pubblico e lo stato di diritto”.

Igor Kochetkov, che ha fondato la Sphere Charitable Network nel 2011, ha duramente replicato via Facebook: “Questa è persecuzione politica, e il ministero della Giustizia, questa volta, non sta nemmeno cercando di nasconderla. Ecco perché ci elimineranno. Per il fatto che le nostre attività non sono ‘in linea con la politica statale’”.

Già nel 2016 le autorità russe avevano etichettato la Sphere Foundation come “agente straniero”. Per legge, tutte le organizzazioni non profit che ricevono finanziamenti al di fuori della Russia devono essere registrate come agenti stranieri, comunicare qualsiasi loro attività e presentare rendiconti finanziari regolari alle autorità competenti ogni sei mesi per poi essere esaminati attraverso audit annuali. L’eventuale chiusura definitiva di Russian LGBT Network, meno di due mesi dopo che la Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura dell’organizzazione per i diritti umani Memorial International, sarebbe un altro passo in avanti compiuto da Vladimir Putin, che di fatto sta alacremente lavorando per trasformare la Russia in un Paese in cui le persone LGBT+ apparentemente non esistono.

Solo ieri abbiamo fatto il punto della situazione sui diritti LGBTQ+ nella Russia di Putin, pochi mesi or sono riuscito a paragonare i nuovi ceppi di coronavirus ai diritti transgender. Il mese scorso il Consiglio d’Europa ha pubblicamente criticato Russia, Regno Unito, Polonia e Ungheria per aver lanciato “attacchi virulenti” contro i diritti LGBT nel corso del 2021.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Cristian Imparato, Io Canto Family 2024

Cristian Imparato ospite a “Io Canto Family”: com’è cambiato negli anni?

Culture - Luca Diana 11.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+ - Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunita LGBTQIA - Gay.it

Donatella Versace celebrata con il Game Changer Onor per il suo impegno in difesa dei diritti della comunità LGBTQIA+

Culture - Redazione 8.3.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
russia-manifestazione-all-out-roma

Russia, manifestazione globale di All Out il 16 marzo contro la persecuzione sistematica della comunità LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 13.3.24
Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social - Brittney - Gay.it

Brittney Griner, dalla prigione russa al primo figlio con sua moglie Cherelle. Il dolce annuncio social

News - Redazione 18.4.24
aborto-antiabortisti-nei-consultori

L’interruzione di gravidanza torna ad essere oggetto di discussione in parlamento: dovevamo svegliarci prima?

Corpi - Francesca Di Feo 19.4.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24