Victoria Alonso, dirigente lesbica licenziata dalla Marvel parla di censura omofoba. Ma non tutto torna

L'addio improvviso di Victoria Alonso ha terremotato il Marvel Cinematic Universe. Con accuse e controaccuse che abbracciano anche la presunta censura omofoba.

ascolta:
0:00
-
0:00
Victoria Alonso, dirigente lesbica licenziata dalla Marvel parla di censura omofoba. Ma non tutto torna - Victoria Alonso - Gay.it
3 min. di lettura

57enne argentina per quasi 20 anni dirigente Marvel Studios, Victoria Alonso è stata licenziata in tronco la scorsa settimana, dando l’immediato via ad un fiume di rumor sull’improvviso e clamoroso colpo di scena. Presidente de Marvel Studios per quello che riguarda post produzione, VFX e animazione  del Marvel Cinematic Universe, Alonso è dichiaratamente lesbica e ha contribuito attivamente negli ultimi anni a portare l’inclusione e la rappresentanza LGBTQIA+ all’interno dell’azienda.

Dopo essere stata cacciata, Alonso è partita al contrattacco. Inizialmente si vociferava che il suo licenziamento fosse legato a problemi con gli addetti agli effetti speciali della Marvel, ma gli stessi Marvel Studios hanno smentito i rumor parlando di un licenziamento dovuto ad una clausola del suo contratto che le proibiva di lavorare ad altri progetti con altri studi. Alonso ha prodotto il film candidato all’Oscar Argentina, 1985, coprodotto da Amazon Studios. Alonso non solo ha prodotto il film, ma lo ha anche promosso durante la stagione degli Oscar, che vedevano in nomination anche il film Marvel Black Panther: Wakanda Forever. Alonso, sostiene la Marvel, è stata quindi licenziata per “violazione del contratto e violazione degli standard di condotta aziendale della Disney”.

Via Variety il suo avvocato Patty Glaser ha tuonato contro questa ricostruzione.

L’idea che Victoria sia stata licenziata per una manciata di interviste alla stampa relative a un progetto di passione personale sui diritti umani e la democrazia che è stato nominato per un Oscar e su cui aveva ottenuto la benedizione della Disney è assolutamente ridicola”. “Victoria, una latina gay che ha avuto il coraggio di criticare la Disney, è stata messa a tacere. Poi è stata licenziata quando si è rifiutata di fare qualcosa che riteneva riprovevole. Disney e Marvel hanno preso una decisione davvero sbagliata che avrà gravi conseguenze. C’è molto di più in questa storia e Victoria lo racconterà a breve, in un forum o in un altro“.

Secondo alcuni insider, i dirigenti Marvel avrebbero chiesto di cancellare la vetrina di un negozio con decorazioni arcobaleno e la parola “Pride” dalla versione di Ant-Man and the Wasp: Quantumania che sarebbe dovuta uscire in Kuwait. E Alonso si sarebbe rifiutata. La vicepresidente avrebbe anche criticato l’amministratore delegato della Disney Bob Chapek, l’anno scorso, quando lo studios non aveva ancora preso posizione contro la legge Don’t Say Gay della Florida. “Se stiamo vendendo la famiglia, prenda posizione contro tutte queste folli leggi obsolete“, disse all’epoca. “Prenda posizione per le famiglie. La smetta di dire che ci tollera. Ci meritiamo il diritto di vivere, amare e avere. Ancora più importante, ci meritiamo una storia sulle nostre origini“.

Un portavoce Disney ha risposto ai commenti dell’avvocato Glaser.

È un peccato che Victoria condivida una narrazione che tralascia diversi fattori chiave riguardanti la sua partenza, tra cui un’indiscutibile violazione del contratto e una violazione diretta della politica aziendale”. “Continueremo ad augurarle il meglio per il futuro e la ringraziamo per i suoi numerosi contributi allo studios“.

C’è da dire che negli ultimi due anni la Disney/Marvel ha visibilmente virato verso un’inclusione LGBTQIA+ fino al 2020 semplicemente inesistente. Abbiamo assistito a diversi epocali passaggi. Non solo la nascita di Phastos, primo supereroe gay, ma anche i primi protagonisti animati dichiaratamente gay dello studios, tra Lightyear e Strange World, senza dimenticare gli altri innesti queer all’interno del Marvel Cinematic Universe. Tutto questo senza dimenticare la “guerra” pubblicamente intentata dalla Disney al governatore della Florida Ron DeSantis per provare ad abbattere la legge Don’t Say Gay e l’aver aperto le porte di Disney World ad Orlando alla più grande convention LGBTQIA+ al mondo per i prossimi due anni.

Quando Victoria Alonso parlerà, probabilmente, avremo risposte un po’ più chiare su quanto avvenuto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24

Continua a leggere

Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Back to Black Marisa Abela e Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Gay.it

Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic

Cinema - Redazione 11.1.24
BAFTA 2024, le nomination. Boom per All Of Us Strangers, ci sono Colman Domingo, Elordi, Keoghan e Mescal - Bafta 2024 - Gay.it

BAFTA 2024, le nomination. Boom per All Of Us Strangers, ci sono Colman Domingo, Elordi, Keoghan e Mescal

Cinema - Federico Boni 18.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbtqia gennaio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 22.1.24
Il Colore Viola, nel musical vedremo la storia d'amore lesbica lasciata ai margini da Steven Spielberg nel 1985 - Il Colore Viola - Gay.it

Il Colore Viola, nel musical vedremo la storia d’amore lesbica lasciata ai margini da Steven Spielberg nel 1985

Cinema - Federico Boni 29.11.23
Nuovo Olimpo, parla Andrea Di Luigi: “Da etero nessun problema con un ruolo gay, l’amore è universale” - Andrea Di Luigi - Gay.it

Nuovo Olimpo, parla Andrea Di Luigi: “Da etero nessun problema con un ruolo gay, l’amore è universale”

Cinema - Redazione 13.11.23
Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro - golden globe 2024 - Gay.it

Golden Globe 2024, pioggia di nomination LGBTQIA+. Da Compagni di Viaggio a Barbie, Rustin e Maestro

Cinema - Federico Boni 12.12.23
David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera - Milena Vukotic Credits ph. Fiorenzo Niccoli - Gay.it

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera

Cinema - Redazione 10.4.24
La minaccia di Kristen Stewart: "Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film" - Kristen Stewart - Gay.it

La minaccia di Kristen Stewart: “Non reciterò più fino a quando non mi faranno dirigere questo film”

Cinema - Federico Boni 30.1.24