Crocini di Famiglie Arcobaleno, appello alle celebrità: “Chi oggi resta in silenzio è corresponsabile”- VIDEO

"Usate il vostro potere, usate le vostre trasmissioni che presentate per dire che questa roba è inaccettabile, che quello che sta accadendo è indegno di un Paese civile".

ascolta:
0:00
-
0:00
Crocini di Famiglie Arcobaleno, appello alle celebrità: "Chi oggi resta in silenzio è corresponsabile"- VIDEO - Alessia Crocini - Gay.it
2 min. di lettura

Nelle ultime 48 ore l’omofobia di Stato contro le Famiglie Arcobaleno d’Italia ha ingranato un’ulteriore marcia, con la procura di Padova che ha chiesto gli atti di 33 figli di coppie di donne e una mamma “eliminata” dal certificato di nascita della figlia di 9 mesi.

Alessia Crocini, presidente di Famiglie Arcobaleno, si è appellata via Instagram non tanto alla comunità LGBTQIA+, che nell’ultimo mese si è stretta attorno alle coppie omogenitoriali del Bel Paese, bensì a tutte quelle celebrità e a quelle aziende che non hanno ancora proferito parola, preferendo tacere dinanzi ad una discriminazione tanto esplicita.

È una battaglia che riguarda tutto e tutti, non solo i genitori ma tutte le persone che credono all’uguaglianza dei diritti e alle pari opportunità di tutti e tutte. Questo appello lo voglio fare alle persone note, famose, alle aziende, ai brand, alle persone che un po’ ci utilizzano quando hanno bisogno di noi, di pubblicizzare dei prodotti, di vendere. A quel punto esiste la comunità LGBTQIA come target a cui vendere dei prodotti“.

Crocini, dopo il tutt’altro che velato link al rainbow washing,  si è poi rivolta alle persone queer che vivono nell’ombra, o in silenzio, senza mai esporsi, godendo dei propri privilegi derivanti anche delle battaglie da altri combattute.

Mi rivolgo soprattutto a quelle persone LGBTQIA+ che vivono la loro vita ritirata, spesso non dichiarata. Il coming out non è un obbligo, è una possibilità, è una libertà, e ognuno di noi lo fa quanso si sente di farlo. Ma ci sono momenti in cui è importante prendere parola, alzarsi in piedi e dire “questa cosa non è concepibile, è inaccettabile”. In questo momento migliaia di bambini e bambine in Italia stanno subendo attacchi indiscriminati, gli stanno togliendo la responsabilità genitoriale quando abbiamo passato secoli ad inseguire le persone che non volevano assumersi quella responsabilità. Ora siamo al paradosso in cui adulti che vogliono prendersi la responsabilità dei loro figli e non gli viene data. Chiedo alle persone che hanno potere mediatico, notorietà, personaggi famosi, LGBTQIA+ o non, prendete parola. Usate il vostro potere, usate le vostre trasmissioni che presentate, per dire che questa roba è inaccettabile, che quello che sta accadendo è indegno di un Paese civile. Chi oggi resta in silenzio è anche responsabile di quello che sta accadendo“.

Da un mese le famiglie omogenitoriali d’Italia sono sotto attacco. Il governo Meloni ha prima intimato lo stop a quei sindaci che stavano registrando i figli delle coppie dello stesso sesso, per poi bocciare il certificato UE di filiazione e spostare volutamente il dibattito sulla GPA, già vietata per legge. Nel mezzo dichiarazioni aberranti da parte di ministri, deputati e senatori di destra, con le piazze d’Italia tornate a riempirsi, i sondaggi a smentire Meloni, l’Europa a bacchettarci pubblicamente e i sindaci pronti a riunirsi, il prossimo 12 maggio a Torino.

Nella giornata di ieri Leo Gullotta e Giovanna Mezzogiorno si sono esposti in difesa delle Famiglie Arcobaleno, aggiungendosi così alle poche persone famose che hanno deciso di metterci la faccia. Dopo l’appello di Crocini ne arriveranno altre?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessia Crocini (@alessia_crocini)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

BigMama: "La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n'erano" - BigMama - Gay.it

BigMama: “La rappresentazione è tutto. Quando accendevo la tv persone come me non ce n’erano”

Musica - Redazione 21.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24

Leggere fa bene

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
elly schlein partio democratico

Elly Schlein: “Meloni ha giù fallito, l’alternativa è l’eguaglianza”

News - Redazione Milano 11.11.23
Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno - Lavinia Mennuni - Gay.it

Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno

News - Redazione 22.3.24