I pediatri d’Italia scrivono a Roccella: “Una legge a tutela dei bambini delle famiglie arcobaleno”

I dati mostrano che l'adattamento, lo sviluppo cognitivo, sociale e psicosessuale, la qualità delle relazioni e il successo scolastico dei bambini cresciuti da genitori omosessuali non si discostano da quelli dei figli cresciuti da genitori eterosessuali.

ascolta:
0:00
-
0:00
Coppia gay con figlio
Coppia gay con figlio
3 min. di lettura

Dopo l’ordine degli antropologi e degli psicologi, anche l’Associazione Culturale Pediatri (ACP) ha scritto alla ministra della famiglia Eugenia Roccella per chiedere una legge a tutela dei bambini delle coppie omogenitoriali, riconoscendo fin dalla nascita iul genitore intenzionale (sociale), oltre a quello biologico, nell’ottica del best-interest del minore.

L’Associazione Culturale Pediatri (ACP), nata a Milano il 5 settembre 1974, è una libera associazione che raccoglie 1.400 pediatri in 35 gruppi locali, finalizzata allo sviluppo della cultura pediatrica ed alla promozione della salute del bambino.

L’Associazione Culturale Pediatri ha sottolineato come da “troppo tempo nel nostro Paese” permanga un “preoccupante vuoto legislativo nella tutela dei figli nati da coppie omosessuali tramite procreazione medicalmente assistita (PMA) all’estero, nei Paesi in cui ne è regolamentato l’accesso“.

Il nostro intento è dare un contributo alla prospettiva di proteggere i diritti delle bambine e dei bambini che sono nati e nasceranno nelle Famiglie omogenitoriali“, ha commentato Chiara Centenari, pediatra e ricercatrice ACP. “Secondo l’attuale normativa italiana i minori nati da coppie omogenitoriali vedono riconosciuto solamente il genitore biologico. Il genitore “intenzionale” (o sociale) che cioè ha partecipato al progetto genitoriale e all’estero ha firmato il consenso informato per assumere una responsabilità genitoriale verso quel bambino/a, non ha in Italia alcun dovere connesso alle decisioni sanitarie, al mantenimento, all’assistenza o all’istruzione del minore; allo stesso tempo non ha il potere di ritirare i figli da scuola se non con delega scritta del genitore biologico, né il diritto al voto attivo negli organismi scolastici. In caso di morte del genitore legale, il bambino non ha diritto alla continuità affettiva, ma verrà posto sotto la tutela degli unici parenti biologici. Lo stesso in caso di separazione: nessun obbligo legale di far mantenere al bambino i rapporti con il genitore intenzionale, che non ha neppure il dovere di partecipare al suo mantenimento“.

La posizione dell’Associazione Culturale Pediatri si fa forte dei circa 20 anni di esperienza sul campo, e di ricerca scientifica diretta in merito, integrata con l’ampia letteratura internazionale che gli ultimi 40 anni hanno generato sull’argomento. Perché le famiglie arcobaleno, va ricordato, esistono da quasi mezzo secolo.

I dati mostrano che l’adattamento, lo sviluppo cognitivo, sociale e psicosessuale, la qualità delle relazioni e il successo scolastico dei bambini e degli adolescenti cresciuti da genitori omosessuali non si discostano da quelli dei figli cresciuti da genitori eterosessuali.

Nei figli di genitori omosessuali non si presentano differenze rispetto ai bambini di genitori eterosessuali nella percezione del senso di sicurezza.

Ciò che può influire negativamente su questi bambini è invece quel processo di discriminazione sociale e rifiuto che si esprime sotto forma di commenti negativi, bullismo, violenza fisica e mancanza di tutela legale. Ovvero, non è il rapporto tra figlio e genitore a creare difficoltà, ma quello dovuto all’omofobia dell’ambiente esterno nei confronti dei genitori.

La soluzione è nel proseguimento della crescita e nell’adeguamento culturale delle comunità a questo genere di Famiglie, che passa innanzitutto per l’attribuzione alle stesse di Famiglie di identiche condizioni, riconoscimenti e diritti“, concludono dall’Associazione Culturale Pediatri. “Per i motivi sopra citati, ribadiamo la nostra richiesta di tutelare il benessere dei bambini figli di coppie omosessuali, che può essere garantita solo da una loro affermazione sociale riconosciuta giuridicamente”.

Da un mese le famiglie omogenitoriali d’Italia sono sotto attacco. Il governo Meloni ha prima intimato lo stop a quei sindaci che stavano registrando i figli delle coppie dello stesso sesso, per poi bocciare il certificato UE di filiazione e spostare volutamente il dibattito sulla GPA, già vietata per legge. Nel mezzo dichiarazioni aberranti da parte di ministri, deputati e senatori di destra, con le piazze d’Italia tornate a riempirsi, i sondaggi a smentire Meloni, l’Europa a bacchettarci pubblicamente e i sindaci pronti a riunirsi, il prossimo 12 maggio a Torino.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Leggere fa bene

Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
Famiglie Arcobaleno alla riscossa in 12 Piazze

Famiglie alla riscossa, festa in 12 piazze in tutta Italia: “Governo ideologico e politica incattivita e populista”

News - Redazione 18.4.24
Giorgia Meloni doppia faccia Gay.it

2023, un anno di odio anti-LGBTIQA+ del Regime Meloni in 8 punti

News - Redazione Milano 28.12.23
monza-mozione-famiglie-arcobaleno-pd

Monza, la giunta PD spiega perché ha bocciato la mozione a favore delle famiglie arcobaleno

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
famiglie omogenitoriali

Governo pronto al ricorso in Cassazione sulla dicitura “genitori” sui documenti dei minori. Informativa di Piantedosi

News - Redazione 10.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24