Zaia annuncia il centro veneto per il cambio di sesso: “È un fatto di civiltà, garantire le libertà e non limitarle”

Sul tema c'è stato persino il clamoroso e apparente cambio di marcia dell’assessore Elena Donazzan, celebre soprattutto per gli insulti rivolti a Cloe Bianco.

ascolta:
0:00
-
0:00
Zaia annuncia il centro veneto per il cambio di sesso: "È un fatto di civiltà, garantire le libertà e non limitarle" - Luca Zaia - Gay.it
3 min. di lettura

Dal 2010 presidente della Regione Veneto, Luca Zaia è tornato a smarcarsi dal proprio partito, la Lega Nord, su temi legati ai diritti LGBTQIA, dopo essere riuscito a far approvare all’unanimità e con voti palesi un Centro di riferimento regionale pubblico per “la presa in carico degli assistiti con disturbi di identità di genere”. Ad annunciarlo lo stesso Zaia, al Gazzettino. Era dal 1993 che si aspettava simile provvedimento. “È un fatto di civiltà, oltre che di legge“, ha rimarcata Zaia, smarcandosi così da eventuale polemica politica. Il Centro sarà situato nell’Azienda Ospedale-Università di Padova.

Avevamo già provato, in tempi non sospetti, a individuare questa struttura, ma per tutta una serie di dinamiche, tra cui il Covid, non siamo riusciti a farla decollare. Debbo dire che l’assessore Manuela Lanzarin ha fatto un bel lavoro: io le avevo dato questo mandato e lei ha portato avanti questa partita. Onestamente la delibera era pronta da mesi, ma ho voluto fortemente che non fosse inficiata da periodi elettorali e da discussioni nazionali. Ho preferito aspettare un momento di pace, perché non ci fosse strumentalizzazione politica, dato che è una bella cosa. Per me è un segno di civiltà, un percorso che faccio assieme a tutti i veneti, anche sulla base delle apprensioni che ho raccolto“.

Zaia ha rivelato di aver conosciuto due persone “che hanno intrapreso questo percorso e le ho viste in difficoltà già nella fase dell’orientamento. Non è un caso che a questo tema abbia anche dedicato un capitolo del mio libro “I pessimisti non fanno fortuna”. Abbiamo voluto recuperare il tempo perso: si pensi solo che la legge statale che regolamenta il cambio di sesso all’anagrafe, anche senza intervento chirurgico, è addirittura del 1982“.

Non a caso le associazioni LGBTQIA nazionali da anni chiedono al Governo di turno di intervenire, per mettere mano ad una legge all’epoca all’avanguardia ma oggi semplicemente trapassata.

Ormai il Veneto guarda alla modernità, all’inclusività, al rispetto umano“, ha precisato Zaia. “Occorre capire che non stiamo parlando di cose fantascientifiche o di comportamenti contro la natura. Si tratta fondamentalmente di pochi casi, che in un anno si contano sulle dita di una mano in Veneto, relativi a persone che non si riconoscono nel loro genere. Come si dice, sono nate nel corpo sbagliato, dopodiché hanno compiuto un percorso giuridico, fino ad arrivare ad avere in mano una sentenza di Tribunale. A me spiace che qualcuno in passato abbia fatto certi commenti: “Si fanno operare per andare a prostituirsi”. Ma come si può dire una cosa del genere? Qui stiamo parlando di una difficoltà ad accettare il genere che la natura ha dato. Basterebbe conoscere l’embriogenesi che, io ho studiato all’Università, per capire come si determina il carattere sessuale nell’embrione e quando in alcuni casi il carattere non è così determinato o determinante. Ecco perché dico che per me è un fatto di civiltà“.

E pensare che Nicola Finco, un tempo capogruppo leghista, parlò di “perversioni” e “vizi personali che non possono essere pagati con soldi pubblici”. Ma Zaia non teme sgambetti interni dal proprio partito. “Rispetto le idee di tutti, al punto tale che faccio una delibera come questa, che non mi riguarda personalmente. L’amministratore non può avere una visione egoistica e personalistica. È un po’ come quando si parla di fine vita. Non si può dire: finché ci sono io, questi temi non verranno toccati. O come quando si discute di aborto: approvare la legge sull’interruzione volontaria di gravidanza, non significa essere a favore di quella pratica, ma assicurare l’esercizio di un diritto, che è un’altra roba. Come ho scritto nel mio libro, chi fa politica deve garantire le libertà, non limitarle“.

Sul tema c’è stato il clamoroso e apparente cambio di marcia dell’assessore Elena Donazzan, celebre soprattutto per gli insulti rivolti a Cloe Bianco, professoressa trans poi suicidatasi. “L’assessore ha fatto il suo dovere, punto. Quello che deve fare un amministratore corretto, davanti a una delibera come questa, è solo una cosa: votarla“.

Negli ultimi Zaia ha difeso il DDL Zan e al tempo stesso il Congresso Mondiale della Famiglia di Verona, bocciato la mozione a sostegno del Veneto Pride, parlato di omofobia come “patologia” e sottolineato come un “bimbo” debba avere “una mamma e un papà“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marta Fascina e Marina B. Forza - Italia

Le malignità di Forza Italia: Marta Fascina deve lasciare il partito, ma non finché c’è Marina B.

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Stefano De Martino

Stefano De Martino, da ballerino di Amici a volto di punta della nuova Rai

Culture - Luca Diana 27.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

Leggere fa bene

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana - grassadonia - Gay.it

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana

News - Redazione 6.5.24
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24
Roberto Menia di Fratelli d'Italia in Senato irride Macron: "Femmineo con pruriti muscolari" (VIDEO) - Roberto Menia di Fratelli dItalia in Senato irride Macron - Gay.it

Roberto Menia di Fratelli d’Italia in Senato irride Macron: “Femmineo con pruriti muscolari” (VIDEO)

News - Redazione 20.3.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
Mahmood Matteo Salvini

Salvini di nuovo contro Mahmood, la Lega si oppone al premio Rosa Camuna

Musica - Mandalina Di Biase 24.4.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, l’Italia di Meloni all’attacco: ecco il tavolo tecnico per “valutare” la somministrazione in ambito di affermazione di genere

Corpi - Francesca Di Feo 26.3.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24