Emily Bridges, stop alla ciclista trans: le hanno vietato di partecipare ai Campionati Nazionali

L’Uci, ente ciclistico internazionale, ha sentenziato che a causa delle "linee guida attuali" l’atleta non può gareggiare.

ascolta:
0:00
-
0:00
Emily Bridges, stop alla ciclista trans: le hanno vietato di partecipare ai Campionati Nazionali - Emily Bridges - Gay.it
2 min. di lettura

Proprio nella Giornata Internazionale della Visibilità Transgender, ecco arrivare la notizia di uno stop sportivo ad un’atleta transgender. Emily Bridges, 21enne ciclista britannica, non potrà partecipare al British National Omnium Championship femminile, in programma sabato.

L’Uci, ente ciclistico internazionale, ha sentenziato che a causa delle “linee guida attuali” l’atleta non può essere ammessa. Bridges avrebbe dovuto gareggiare sfidando cicliste del calibro della cinque volte campionessa olimpica Laura Kenny. British Cycling ha dichiarato: “Siamo stati a lungo in dialogo con l’UCI in merito alla partecipazione di Emily e ci siamo anche impegnati con Emily e la sua famiglia per quanto riguarda la sua transizione e il suo coinvolgimento in competizioni ufficiali. Riconosciamo la decisione dell’UCI per quanto riguarda la partecipazione di Emily, tuttavia riconosciamo pienamente la sua delusione per la decisione presa oggi“.

L’organizzazione ha aggiunto che è necessaria “maggiore chiarezza e comprensione sulla partecipazione a competizioni ufficiali” da parte di atleti trans e non binari in tutto lo sport. “Comprendiamo anche che negli sport d’élite il concetto di equità è essenziale. Per questo motivo, British Cycling chiede oggi un incontro per condividere, imparare e capire di più su come si possa raggiungere l’equità in modo che sia mantenuta inalterata la dignità e il rispetto di tutti gli atleti“.

British Cycling stabilisce che le cicliste debbano avere livelli di testosterone inferiori a cinque nanomoli per litro per un periodo di 12 mesi prima della competizione. Bridges ha iniziato la terapia ormonale l’anno scorso, per ridurre i suoi livelli di testosterone che erano al di sotto dei nanomoli richiesti, ma a detta dell’UCI non era attualmente conforme ai suoi regolamenti poiché ancora registrata come ciclista maschio.

Lo scorso maggio, Bridges è arrivata 43esima su 45 corridori nel criterium maschile d’élite al Loughborough Cycling Festival. È arrivata poi penultima nella gara su strada del Welsh National Championship dello scorso settembre. Più recentemente, ha vinto una corsa a punti maschile ai Campionati delle università britanniche di Glasgow. Parlando a Cycling Weekly all’inizio di marzo, Emily aveva rivelato di aver ricevuto “molti messaggi davvero carini da amici e persone che non avevo mai incontrato, per lo più ciclisti donne, che mi offrivano il loro supporto“, oltre a qualche contraccolpo.

Diverse cicliste hanno minacciato il boicottaggio, nei giorni scorsi, se Bridges avesse avuto il via libera alla corsa. “Sono nervosa – è impossibile non esserlo e ci stiamo preparando al meglio, anche se non c’è molto che possiamo fare per fermare le critiche – le persone sono liberi di esprimere le proprie opinioni, purché lo facciano nel rispetto della legge”, aveva sottolineato la 21enne.

Il presidente dell’UCI, David Lappartient, ha dichiarato mercoledì alla BBC che non riteneva sufficienti le attuali normative sulle atlete transgender. “Sono un po’ preoccupato, credo che la loro partecipazione ad eventi femminili possa incidere sull’equità della competizione. Credo che la situazione attuale, con la regola dei cinque nanomoli per litro [per misurare i livelli di testosterone], non sia abbastanza”.

La storia di Bridges segue quanto accaduto recentemente alla nuotatrice statunitense Lia Thomas e ancor prima alla neozelandese Laurel Hubbard. Il CIO, in tal senso, si è già espresso, lasciando però ad ogni singola federazione il compito di vigilare e decidere, caso per caso, sul via libera alle atlete transgender in gare ufficiali.

Foto cover: Cycling Weekly

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24

Leggere fa bene

Foto di Jamie Mccartney

Il Museo della Vagina include anche le persone trans*

Culture - Redazione Milano 18.1.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
george-lori-schappel-siamesi-morte

Addio a Lori e George Schappell, lǝ più longevǝ gemellǝ siamesi al mondo: uno di loro era trans

News - Francesca Di Feo 15.4.24
Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio - Lia Thomas foto - Gay.it

Atlete trans svantaggiate rispetto a quelle cisgender, i risultati di uno studio

Corpi - Francesca Di Feo 24.4.24
Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24
Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano - Baby Reindeer n S1 E2 00 20 42 07 - Gay.it

Baby Reindeer, Nava Mau e la rappresentazione trans nella nuova serie crime Netflix di cui tuttə parlano

News - Redazione 19.4.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Adolescente trans costretto alla mastectomia perché la triptorelina arriva in ritardo

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese - Lucy Clark - Gay.it

Lucy Clark nella Storia come prima allenatrice trans del calcio femminile inglese

Corpi - Redazione 2.2.24