Meloni fa di tutta l’erba un fascio, attacca il Ddl Zan “per l’utero in affitto”

In un articolo la leader FDI diffonde confusione per fare propaganda reazionaria. Perché si sa, dove c'è confusione, c'è richiesta di ordine.

ascolta:
0:00
-
0:00
alessandro zan giorgia meloni utero in affitto ddl zan gpa
alessandro zan giorgia meloni utero in affitto ddl zan gpa
3 min. di lettura

In una lettere al Corriere della Sera Giorgia Meloni combina un pasticcio e mescola Ddl Zan e GPA (gestazione per altri). In risposta a un editoriale del giornalista Antonio Polito, che si chiedeva “Giorgia Meloni ha un problema con le donne?”, la leader di Fratelli d’Italia rovescia il tavolo e accusa la sinistra di voler umiliare il corpo delle donne con il Ddl Zan.

Secondo Meloni le richieste LGBTQIA+ comportano un appiattimento della differenza sessuale, un nuovo modello patriarcale (LOL), una distruzione del materno. Tutto questo viene associato al Ddl Zan. Una tecnica tipicamente populista – tendente alla propaganda fascistoide che sollecita ignoranze e pigrizie intellettuali – e che fa di tutta l’erba un fascio.

Meloni associa un disegno di legge per proteggere le persone fragili (donne, LGBTQIA+, persone con disabilità) dai reati di odio, con la pratica della Gestazione per altri (GPA), e cioè la pratica regolamentata in moltissimi paesi, che permette ad una donna di condurre una gravidanza per conto di un’altra coppia.

La gestazione per altri (GPA) è una scelta fatta per il 70% da coppie eterosessuali e per il 30% da coppie omosessuali composte da uomini o donne. È un percorso che non affrontano solo gli uomini. Molte donne arrivano alla gestazione per altri dopo aver avuto problemi di fertilità.

Meloni si era già mostrata contraria alla Gestazione Per Altri quando, la scorsa primavera, insieme a Mara Carfagna (all’epoca Forza Italia, oggi Azione) aveva portato avanti un disegno di legge, approvato in commissione giustizia, che chiedeva che la gestazione per altri diventasse reato universale. E che dunque fosse reato non solo se svolto in Italia, ma anche all’estero.

Per essere più specifici, Meloni (e Carfagna e molti altri, anche un candidato del PD, come vi spieghiamo qui) ritengono che se una coppia (eterosessuale od omosessuale) usufruisce della tecnologia medica definita GPA all’estero, una volta rientrata in Italia debba essere penalmente accusata e perseguita.

Sul corpo delle donne, sull’aborto e sulla sua confusa opinione riguardo a Ddl Zan e “utero in affitto”, Meloni scrive quindi sul Corriere:

Noi non siamo reazionari, non vogliamo tornare indietro: vogliamo costruire il futuro. Ma siamo conservatori, perché vogliamo portare con noi, nel futuro, quello che abbiamo amato e amiamo, la nostra storia, la tradizione, l’appartenenza al genere sessuale, la possibilità per un bimbo di avere una mamma e un papà, la solidarietà tra le generazioni, il rispetto per gli anziani, la cura dei più fragili. E la sinistra, cosa vuole, per le donne? L’abbiamo visto con il ddl Zan: l’appiattimento della differenza sessuale, un nuovo modello patriarcale che fa scomparire le donne e distrugge il materno. Per la sinistra, essere madre non è un valore sociale ma addirittura qualcosa che può essere comprato e venduto: l’utero si può addirittura affittare e le donne povere si possono sfruttare. Bisogna lasciare fare il mercato. Noi invece ci battiamo per una piena e integrale applicazione della 194 e affinché le donne siano davvero libere di essere madri se lo vogliono, senza rinunciare a nulla, ai propri talenti, alla carriera e alla politica. Io credo che i diritti delle donne si difendano così.

Si tratta di una specie di centrifuga schiumosa di pensiero conservatore, nel quale la complessità è affogata e insieme pre-digerita in un semplicistico pensiero che vorrebbe essere conservatore, ma che si rivela soltanto populista e fortemente reazionario.

Un furbissimo modo di confondere le acque, spaventare il corpo elettorale, e rivendicare la propria appartenenza a un passato che da Trump in poi sta re-ingoiando l’Occidente. Un Occidente sempre più spaventato dal futuro. Nel quale l’Italia di Meloni si appresta ad essere massima protagonista di una regressione senza precedenti dalla fine del nazifascismo.

Il Ddl Zan era soltanto un disegno di legge contro l’odio per le donne, contro l’odio omobitransfobico e contro l’odio verso le persone con disabilità.

La gestazione per altri (GPA) è una tecnologia moderna che mette le donne, che sono padrone del proprio corpo, nelle condizioni di ospitare una gravidanza per un progetto genitoriale altrui.

Meloni non parla di difesa delle persone fragili dall’odio. E parla di sfruttamento delle donne.

È pura propaganda. In Gran Bretagna le donne che vogliano mettere a disposizione il proprio corpo per la GPA devono essere già madri e avere una condizione economica autosufficiente: e questo soltanto per citare qui due punti che smentiscono le bugie reazionarie di Meloni.

Nei paesi occidentali e civili di cui l’Italia fa parte e nei quali la GPA è consentita e regolamentata, non esiste sfruttamento delle donne. Esiste l’amore. Ed esiste la convivenza civile e solidale. Troppo per Meloni. A caccia soltanto di confusione. Perché si sa, dove c’è confusione, c’è richiesta di ordine.

 

In questo articolo vi abbiamo raccontato la gestazione per altri con precisione ed emozione.

 

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
gioric70 6.9.22 - 21:44

A forza de strillà a cazzo ce rimane senza voce? Ma io dico proprio che! Ignorante che ignora!

Trending

glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

giorgia meloni usa lgbtq nation

Giorgia Meloni terrorizza i media LGBTQI+ americani

News - Redazione Milano 25.8.23
grecia pride lgbt atene

Grecia, Corte Suprema chiede di riconoscere i due papà di Elia nato da gestazione per altri

News - Redazione Milano 23.11.23
meloni orban

“Difendere Dio e famiglia”: Meloni sul palco con Orban a Budapest – VIDEO

News - Francesca Di Feo 14.9.23
finale Non sono una signora

Non sono una Signora faceva ascolti che oggi Rai Flop Meloni si sogna, ma nessuno rinnova il drag show condotto da Alba Parietti

Culture - Federico Boni 2.11.23
Foto di Max Böhme su Unsplash

La destra vorrebbe arrestarlo, ma a Trento diventa papà di suo figlio

News - Redazione Milano 4.9.23
gpa-corte-europea-sentenza

Italia condannata: ha perseguitato Sonia, nata da coppia etero grazie alla GPA

News - Francesca Di Feo 31.8.23
Andrea Giambruno gay it striscia la notizia si tocca genitali fuorionda Giorgia Meloni Francesca Pascale

Gambruno, uno di “quegli omosessuali spaventati da se stessi”: Pascale cancella la storia

News - Redazione Milano 21.10.23
giorgia-meloni-contestata-aosta

Arcigay Aosta contesta Giorgia Meloni in visita nel capoluogo valdostano: “Contro l’invisibilizzazione della nostra comunità”

News - Francesca Di Feo 1.2.24