Cos’è stata finora la fluidità a Sanremo

Non è successo dall’oggi al domani, ma con le figure più inaspettate, che siano look plateali o piccole grandi sfumature nascoste.

Cos'è la fluidità a Sanremo
Anna Oxa canta Un'Emozione da Poco a Sanremo 1978
4 min. di lettura

Negli ultimi anni, anche a Sanremo è spuntata la parola fluidità.

Tra politici di destra in cardiopalma e chi è ancora troppo confuso sull’accezione del termine, sembra che all’Ariston si inizi a prestare attenzione a come lǝ artistǝ giocano spesso e volentieri con l’espressione di genere, ribaltando e fraintendendo i binari – che sia un abile mossa di queerbaiting o una genuina forma d’arte.

Cos'è la fluidità a Sanremo
Plastic Bertrand

La “fluidità” per come è intesa a Sanremo non solleva una vera e propria discussione sull’identità di genere (tre volte su quattro gli artisti sono sia cis sia etero) ma accoglie la possibilità di presentarsi in più forme, trovando qualche spazio in più per la diversità.

Non è successo dall’oggi al domani, ma con le figure più inaspettate, che siano look plateali o piccole grandi sfumature nascoste.

Già nel 1970, una certa Rita Pavone (molto prima degli scivoloni fascistoidi degli ultimi anni) sulle note di “Ahi ahi ragazzo” spuntava con uno smoking e dei capelli cortissimi, richiamando – consapevolmente o meno – l’androginia di un piccolo tomboy, in totale opposizione ad una Gigliola Cinguetti o Marcella Bella.

Ma è nel 1978 che il palco si infuoca: con il suo capolavoro “Un’emozione da poco”, Anna Oxa si presenta in completo da uomo, camicia, cravatta, capelli corti e leccati, trucco pesante.

É un drag king che sgambetta, salta da una parte all’altra, e inebria la platea.

Non ha nemmeno problemi a farsi chiamare al maschile: “Io non sono neanche un punk” risponde alle interviste. Quando chiedono “Come ti chiami?” risponde solo “Oxa”.

Nel 1985 ritorna all’Ariston cantando “A lei” e sembra un alieno: coperta da una lunga mantella nera (in un’altra serata un’attillatissima tutina rossa) ne rimane solo il volto diafano, la chioma squadrata e platinata, e lo sguardo di un avatar che buca lo schermo.

Nel 1982 abbiamo il caso più unico che raro di una canzone francese in gara con Plastic Brestrand:  “Ping Pong” non fa proprio impazzire la giuria, ma il palco abbonda nel rosa, racchette, visiere bianche, mentre il cantante sculetta senza remore, balla il twist, muove il polso.

Poi c’è Alberto Camerini che nel 1984 si esibisce con “La bottega del caffè” come un piccolo grillo cantante.
Caschetto biondo, eyeliner, gilet multicolor.
Camerini non ha nulla dello stereotipo maschile: è una creatura ambigua, quasi asessuata e al contempo con un’energia iper-sensibile.
Il suo è un arlecchino elettronico e incompreso — finirà al 16esimo posto della giuria, e dopodiché si allontanerà sempre di più dai riflettori —una maschera del perdente, che in totale opposizione ai sex simbol dell’epoca preferisce citare Goldoni sul palco dell’Ariston.

Cos'è la fluidità a Sanremo

Se al Sanremo del 1986 nella sezione big, mentre canta “Verso il DuemilaFlavia Fortunato sembra BoyGeorge, tra capelli cotonati e treccine afro che penzolano, con l’arrivo degli anni 2000 la fluidità trova  espressione anche solo esclusivamente nelle corde vocali: nel 2003 la voce di John De Leo, dei Quintorigo, mentre canta l’assurda “Bentivoglio Angelina” è una montagna russa di falsetti striduli e bassi baritonali, oscillando da un personaggio all’altro che prima è femmina, poi maschio, bambino, bambina, fino ad assumere forme e suoni imprevedibili esclusivamente attraverso l’estensione vocale e l’andamento distonico della melodia.Tra il 2020 e il 2021, l’Ariston è di nuovo una festa: Achille Lauro porta sul palco un susseguirsi di travestimenti che vanno dalla regina Elisabetta I Tudor, a tutine di paillettes scintillanti, allo Ziggy Stardust di David Bowie, la Divina Marchesa Luisa Casati Stampa, ma anche un omaggio a Mina riproducendo il servizio fotografico di Mario Belletti negli anni ottanta.

Le reazioni sono delle più disparate: stupisce, infastidisce, annoia.
Ma Lauro è solo uno spicchio della torta.

Alla settantunesima edizione del Festival, l’adorabile Michele Bravi duetta in compagnia di Arisa sulla cover di “Quando” di Pino Daniele. Indossa un completo nero di pizzo e si muove con indecifrabile grazia, con un timbro vocale incatalogabile. È anche uno dei pochi concorrenti ad aver fatto liberamente coming out.

C’è anche Madame, diciannove anni e bisessuale, che con la sua “Voce” canta una sessualità senza barriere, sia sul piano sessuale sia dell’identità di genere.

Lo stesso anno arriva La Rappresentante di Lista, duo spudoratamente queer, in un’esplosione di rosa shocking, lucidalabbra, e bouquet di fiori per chiunque.

Ma a scomodare il podio saranno i Maneskin, animali da palcoscenico avvolti tra corsetti pirateschi, balze ottocentesche, tutine in piumaggio couture e tulle decorate con cristalli.

Cos'è la fluidità a Sanremo
@maneskinofficial

 

Con l’arrivo della splendida Drusilla Foer e del cantautore Sangiovanni (definita un’icona “senza genere”), anche quest’anno il palco dell’Ariston non può sottrarsi al cambio generazionale, nella speranza di spostare questa conversazione sulla fluidità ad un livello successivo — magari includendo prima o poi sempre più artistǝ dichiaratamente LGBTQIA+.

Ma questo è solo l’inizio di un viaggio iniziato molto prima.

 

ARVE Error: Syntax error URL: https://www.youtube.com/watch?v=e5VRINsCqOo

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24

Leggere fa bene

BigMama Sanremo 2024 La rabbia non ti basta

BigMama a Sanremo 2024: “Mi gridavano ‘cicciona’, ora guardate quanto sono fi*a”

Musica - Emanuele Corbo 12.1.24
michela murgia famiglia queer

La famiglia queer di Michela Murgia è realtà per il 46% dei giovani della Gen Z, il 14% di loro si identifica come bisessuale

Corpi - Redazione Milano 29.11.23
Amadeus, Sanremo 2024

Sanremo 2024, svelati tutti i big e i brani in gara

Musica - Luca Diana 19.12.23
Valentina Giovagnini, dal 5 aprile in digitale la discografia dell'artista scomparsa nel 2009

Valentina Giovagnini, a 15 anni dalla morte si riaccende una luce sulla musica della cantante che conquistò Tiziano Ferro

Musica - Emanuele Corbo 30.3.24
Classifica terza serata, Sanremo 2024

Sanremo 2024, la top five della terza serata: Angelina Mango conquista il podio. A seguire Ghali e Amoroso

Musica - Luca Diana 9.2.24
Amadeus al TG1

Sanremo 2024, Giovanni Allevi salirà sul palco dell’Ariston: “Sarò la voce dei tanti guerrieri”

Culture - Luca Diana 27.11.23
BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer - Sessp 29 - Gay.it

BigMama, Lorenzo Seghezzi è il suo fashion designer

News - Federico Colombo 8.2.24
Rose Villain

Rose Villain, dagli esordi alla nuova avventura al Festival di Sanremo: ecco ciò che sappiamo su di lei

Culture - Luca Diana 19.1.24