Donald Trump sostiene l’omofobo autocrate Viktor Orbán

Ecco perché Donald Trump lancia dichiarazioni a favore della rielezione del dittatore omotransfobico ungherese.

estrema destra, europa orban trump
Viktor Orban, Donald Trump, elezioni Ungheria, omofobo
3 min. di lettura

Durante la campagna elettorale per le prossime elezioni in Ungheria, l’ex Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sostiene a gran voce l’autocrate e omotransfobico Viktor Orbán, attuale Primo Ministro ungherese e in lizza per la quarta rielezione consecutiva in tale carica – e quinta in totale, considerando anche il mandato dal 1998 al 2002.

In una dichiarazione, Trump ha affermato: “Viktor Orbán dell’Ungheria ama davvero il suo paese e vuole sicurezza per il suo popolo. Ha svolto un lavoro potente e meraviglioso nel proteggere l’Ungheria, nel fermare l’immigrazione illegale, nella creazione posti di lavoro, nel commercio e dovrebbe poter continuare a farlo nelle prossime elezioni.

“È un leader forte e rispettato da tutti. Ha il mio completo sostegno e appoggio per la rielezione a primo ministro!”

estrema destra, europa orban trump
Viktor Orban e Donald Trump a Bruxelles, Belgio, 25 Maggio 2017

Non è usuale che un ex Presidente USA faccia dichiarazioni a favore di un candidato alle elezioni di un altro paese; ma non c’è da sorprendersi se l’ex Presidente è Donald Trump e il candidato è Viktor Orban.

Il magante americano ammira da sempre il lavoro e la figura di Orban, che è stato il primo leader europeo ad appoggiare la campagna per l’elezione di Trump.

I due condividono una scarsa, se non pessima, attenzione per i diritti umani. In particolare per la comunità LGBTQIA+, verso cui sono entrambi avversi, regalandoci negli anni la perdita dei diritti acquisiti con fatica e una brutale violenza nei gesti e nei discorsi.

Durante il suo periodo da presidente, Trump ha lanciato un attacco dopo l’altro alla comunità queer negli Stati Uniti. L’amministrazione Trump ha bandito le persone trans dall’esercito americano, ha dato alle agenzie federali per adozione il via libera a bandire le coppie LGBTQ+, ha sostenuto attivamente la discriminazione sul lavoro, nei servizi e nell’assistenza sanitaria contro le persone LGBTQ+; ha cancellato riferimenti alla comunità LGBTQIA+ dai siti Web del governo e ha combattuto per negare la Cittadinanza statunitense ai figli di genitori dello stesso sesso.

Secondo GLAAD, Trump ha attaccato le persone LGBTQIA+ per un totale di 180 volte durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca.

Sul fronte Ungheria, Orbán ha vietato costituzionalmente il matrimonio tra persone dello stesso sesso, modificato la costituzione per cambiare la definizione di famiglia e vietare di fatto l’adozione da parte delle coppie dello stesso sesso e ha posto fine al riconoscimento legale per le persone trans*. Nel 2021 è entrata in vigore la sua legge sulla propaganda anti-Lgbt+, che vieta la “promozione” delle vite queer ai minori.

estrema destra, europa orban trump
Viktor Orban e Donald Trump

Al di là della comunità lgbtqia+, il Primo Ministro ungherese, in questi 12 anni di mandato consecutivo, trascina con sé ha una serie di disastri sul piano umano.

Tra muri ai confini del suo Paese; leggi contro l’immigrazione, l’aborto e i diritti delle donne; diatribe e terremoti all’interno dell’Unione europea, arrivando a scuotere i suoi valori fondativi: Orban è stato il primo in Europa a rendere la sua democrazia una democrazia illiberale.

Le elezioni in Ungheria si terranno ad aprile, la campagna è ancora aperta e proprio in questi giorni sei partiti di opposizione, di tutto lo spettro politico, si sono alleati per sostenere il candidato Péter Márki-Zay. Quest’anno, più che mai, è forte la volontà di una buona parte del Paese dell’Est Europa di liberarsi finalmente dell’autocrate omotransfobico.

Viktor Orban, Donald Trump, elezioni Ungheria, omofobo
Péter Márki-Zay

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24

I nostri contenuti
sono diversi

Via all'iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale - Carriera Alias - Gay.it

Via all’iter per il riconoscimento della Carriera Alias al personale dipendente di Roma Capitale

News - Redazione 24.4.24
Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: "Dalle europee all’Europride" - Pride Croisette 2024 Roma Pride - Gay.it

Roma Pride Croisette 2024, venerdì 7 maggio dibattito sull’Europa dei Diritti: “Dalle europee all’Europride”

News - Redazione 6.6.24
Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+? - Claudia Sheinbaum 1 - Gay.it

Claudia Sheinbaum prima donna presidente del Messico, qual è la sua posizione sui diritti LGBTQIA+?

News - Redazione 4.6.24
Roberto Vannacci Alessandro Zan

Vannacci a Zan “Lei come omosessuale non rappresenta la normalità”, la replica “Lei infanga le forze armate”

News - Redazione Milano 7.5.24
Daniele Priori GayLib Intervista

Essere LGBTI di destra, l’inadeguatezza dell’attuale Forza Italia, l’appello a Marina Berlusconi e i liberali italiani: parla Daniele Priori di GayLib

News - Redazione Milano 10.7.24
molise-pride-francesco-roberti

Molise, il presidente regionale Francesco Roberti attacca il Pride: “Vanno lì vestiti come pagliacci”. La risposta di Arcigay.

News - Francesca Di Feo 24.6.24
Vicenza Donna Trans Pestata

Vicenza, donna trans selvaggiamente picchiata in strada da 4 persone

News - Redazione 27.6.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24