Linguaggio queer contemporaneo: i termini più usati dalla comunità LGBTQIA+

Frociarola, checca, ma anche attivo, passivo e così via: ecco il dizionario italiano completo dello slang LGBTQ+

93 min. di lettura
slang lgbt, dizionario queer
165 / 407

Finocchio

“Finocchio” è un dispregiativo, un insulto che indica l’uomo omosessuale.

Si tratta di una voce toscana entrata in italiano con la letteratura neorealistica. Al femminile ‘finocchia’ si ricorre più in termini scherzosi all’interno della comunità LGBTQIA+.

Forse nessun termine come questo (ad eccezione di FROClO), ha suscitato ipotesi così contrastanti sull’etimologia. Per fortuna è possibile stabilire alcuni punti fermi, che permettono di arrivare ad una spiegazione soddisfacente. Innanzitutto: l’uso di FINOCCHIO nel senso di “omosessuale” è recente. Prima del 1863, anno in cui apparve nel dizionario del Fanfani, non è rintracciabile in alcun documento. L’unica attestazione precedente, riportata dal Battaglia, appare dubbia, perché si trova in una composizione poetica in cui l’autore, Meo de’ Tolomei, vuole mettere in risalto la stupidità di suo fratello Min Zeppa. Quando Mino entra in chiesa, secondo Meo, è tanto maldestro nel fare il segno della croce da cacciarsi le dita nell’occhio, o così babbeo da salutare Dio dicendo: “Dio vi dia il buon dì, signor Dio”. La conclusione del poeta è quindi “che ben ve sta uma’ dicer finocchio” (Marti: 260), cioè: “ormai ti sta bene se ti chiamano finocchio”. In questo contesto sembra che a FINOCCHIO si adatti meglio il significato di “babbeo”, “stupido”, molte volte attestato in altri scrittori antichi. Del resto nessun vocabolario pubblicato prima del Fanfani registra tale uso della parola, mentre gli antichi scrittori preferiscono usare altri termini derogatori (soprattutto BUGGERONE e BARDASSA) a scapito di questo.

Anche negli antichi processi per ingiurie FINOCCHIO è assente. Sulla base di queste considerazioni concluderemo quindi che FINOCCHIO nel senso di “omosessuale” è termine recente, di origine toscana, diffusosi dopo l’Unità nel resto d’Italia (ma più al Nord che al Sud, dove FROCIO e RECCHIONE gli hanno fatto concorrenza), soprattutto grazie a scrittori “realisti” toscani (per esempio Prezzolini).

Quanto appena detto dovrebbe essere d’aiuto nel risalire all’etimologia. Le proposte sono molte, ed alcune anche un po’ bizzarre: c’è ad esempio chi propone un lambiccato “fenor culi” (in latino: “vendita del culo”), e chi lo ricollega all’ortaggio omonimo per varie ragioni. Alcuni perché esso “ha il gambo vuoto” (e qui saremmo nel campo di BUCO o CUPIO), altri perché i finocchi detti “maschi” sono più gustosi di quelli detti “femmine”. Altri infine (Consoli: 5), perché “il finocchio è pianta agametica, cioè che si riproduce senza essere impollinata, e quindi non ha bisogno dell’“altro” sesso”. Ma la proposta di etimologia che ha veramente fatto furore negli ultimi anni è quella che ricollega i finocchi ai roghi medievali. Secondo tale spiegazione, per coprire l’odore di carne bruciata sarebbe stato anticamente costume usare legno di ferula (quello spugnoso prodotto dalle piante di finocchio selvatico), oppure fasci di finocchi buttati nel fuoco. A sostegno di tale tesi si cita il parallelo con l’inglese “faggot”, che significa tanto “fascina di legna” che “omosessuale”.

Come accade spesso nelle questioni intricate, la spiegazione è in realtà piuttosto semplice. Innanzitutto non si è finora riusciti a trovare attestazioni dell’uso di gettare finocchi sui roghi. La consultazione di documenti antichi non ha permesso di trovarne traccia. Caso mai si saranno usati ginepri, come spinge a pensare il Burchiello: “Lascia i capretti e piglia delle lepri se non vuoi fare un dì fumo e baldoria d’odorifera stipa di ginepri”. (LANZA, p. 455). Anche Matteo Franco gli fa eco: Al tuo falò s’adoperrà ginepri, perché tu della puccia segui e’ sulci; lascia i caprecti e piglia delle lepri. (FRANCO, p. 17) (Franco ed il Burchiello scrivono tuttavia in “codice”, con un gergo colmo di maliziosi doppi sensi: ad esempio in questi versi i capretti da lasciare sono i ragazzi, mentre le lepri che è opportuno cercare sono le donne). In secondo luogo resterebbe da spiegare perché, se l’ipotesi che lega FINOCCHIO ai roghi è corretta, le altre categorie di persone in passato condannate alla stessa pena non abbiano ricevuto lo stesso nomignolo, sul modello di quanto accaduto con BUGGERONE (vedi). Infine va sottolineato che il parallelo con “faggot” non regge, perché, come ha dimostrato Johansson 1981, “faggot” nel senso di “omosessuale” nacque in America alla fine del secolo scorso, derivando da un fagot, antico francese e poi inglese, che significava “carico pesante” (e da qui “fascina”) e poi “donna pesante da sopportare”, “donna noiosa”, in parallelo con il già citato PEPPIA nostrano.

L’etimologia più corretta sarà quindi senza dubbio quella che mette in relazione il significato odierno di FINOCCHIO con quello che la parola aveva nel medioevo, e cioè “persona dappoco, infida”, “uomo spregevole”. In questo senso lo troviamo ad esempio già in un apocrifo dantesco: “E quei, ch’io non credeva esser finocchi, [traditori] ma veri amici, e prossimi, già sono venuti contra me con lancie, e stocchi. E quegli, ch’era appresso a me più buono, vedendo la rovina darmi addosso, fu al fuggir più, che gli altri, prono (SETTE SALMI, p. 49)”.

A sua volta tale uso traslato della parola deriva probabilmente dall’uso di semi di finocchio per aromatizzare la carne ed “infinocchiare” la salsiccia. Essi ovviamente non avevano alcun valore, sia al paragone con le costosissime spezie che venivano dall’Oriente, sia per il loro costo molto moderato. Si confronti il modo di dire toscano “essere come il finocchio nella salsiccia”, ossia: “non valere nulla”. Quindi: da “cosa o persona di nessun valore”, la parola finocchio è passata a indicare “uomo spregevole” e poi, in senso più restrittivo, “uomo spregevole in quanto si dà alla sodomia”. (Per un’evoluzione analoga vedi FROCIO). Data l’enorme diffusione di questo termine oggi, si ritiene superfluo dare esempi del suo uso.

165 / 407
Indice
2
4
A/P
6
12
13
29
32
37
39
43
44
45
47
50
52
57
Bue
61
62
63
68
74
78
79
80
81
83
85
86
100
101
104
106
Cub
109
112
113
Cut
114
115
117
124
125
127
129
130
132
133
134
135
138
151
152
153
Fab
154
155
158
159
163
165
167
168
171
174
176
180
182
183
184
Gay
185
188
197
200
202
205
208
212
216
217
218
220
222
225
226
227
229
230
232
233
235
237
239
240
241
244
247
248
253
MIT
254
258
MST
260
262
266
268
Omo
270
272
279
281
282
283
284
286
289
290
291
294
302
306
307
309
310
316
317
318
319
321
322
323
324
330
332
334
337
338
340
342
343
344
345
346
347
349
350
353
354
360
361
362
363
364
366
368
370
372
373
378
381
393
396
398
402
403
405
406
407
Zia

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Il murales queer dedicato a Michela Murgia realizzato da Laika per il progetto "Ricordatemi come vi pare" curato da Pietro Turano di Arcigay

“Ricordatemi come vi pare”, non è ancora completato, e il murales queer dedicato a Michela Murgia fa infuriare la destra

Culture - Redazione Milano 7.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Temptation Island 2024

Temptation Island, Raffaella Mennoia svela alcuni retroscena del docu-reality di Canale 5

Culture - Luca Diana 11.7.24

Continua a leggere su Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay - cover insulti - Gay.it

Culattone, checca, finocchio e gli altri: origine e storia degli insulti contro i gay

News - Redazione 28.5.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi dopo l’eliminazione dal Grande Fratello: “I momenti difficili non sono mancati”

Culture - Luca Diana 18.3.24
schwa

“Per il 54% degli italiani il linguaggio inclusivo è solo una moda”, l’indagine completa

News - Redazione 13.5.24
Vittorio Menozzi Roma Naima Profumerie Oporto

Vittorio Menozzi va al Circo Loco e suona come dj, ma nel suo futuro il cinema?

Culture - Mandalina Di Biase 6.6.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Tenderbooks

The Queer Arab Glossary è il primo libro per imparare lo slang queer arabo!

Culture - Redazione Milano 3.7.24
Keshet Italia - Milano Pride 2023 - Gay.it - fonte immagine originale: Facebook (edit)

Se questo è un Pride. Senza organizzazioni ebraiche queer, che non partecipano per timore di aggressioni. Intervista a Raffaele Sabbadini presidente Keshet Italia

Culture - Giuliano Federico 29.6.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24